Richieste per i loculi cimiteriali: breve scadenza e nessun manifesto. Polemica in aula

Richieste per i loculi cimiteriali: breve scadenza e nessun manifesto. Polemica in aula

I cittadini hanno cinque giorni per partecipare. Respinta la richiesta dell’opposizione di discutere in consiglio la problematica VILLARICCA – E’ stato il


I cittadini hanno cinque giorni per partecipare. Respinta la richiesta dell’opposizione di discutere in consiglio la problematica

VILLARICCA – E’ stato il primo punto “fantasma” che ha infuocato subito gli animi del consiglio comunale. L’opposizione ha portato in aula un Ordine del Giorno per discutere dell’avviso dei loculi cimiteriali del bando 2010. Le criticità dell’avviso pubblico sono diverse. La pubblicazione al 17 settembre con scadenza per la presentazione delle domande al 30 settembre, meno di due settimana per i cittadini. La comunicazione di un argomento così importante è stato esposta solo sul sito on-line senza alcun manifesto cartaceo. Assenza del modulo allegato per la partecipazione dal sito comunale.

Con queste argomentazioni il consigliere Tobia Tirozzi ha chiesto al presidente del consiglio Giosuè Di Marino di far discutere il punto. Quest’ultimo si è opposto citando alla lettera il regolamento comunale che impedisce l’inclusione alla discussione di ordini del giorno in sede di consiglio. Tutta la maggioranza ha tenuto la linea di Di Marino anche se il consigliere delegato ai servizi cimiteriali Bruno D’Alterio ha dichiarato “La gente potrebbe capire che non vogliamo discutere” facendo intendere la propria disponibilità.

“Vogliamo prolungare l’avviso per dare facoltà a tutti di integrare la domanda. D’Alterio deve inviare le lettere a tutti, altrimenti dobbiamo riscontrare un fallimento rispetto alla gestione passata dell’assessore Raffaele Cacciapuoti” ha sostenuto il capogruppo del Pdl Luigi Sarracino. Il sindaco Francesco Gaudieri è intervenuto sulla questione a fine seduta: “Assicureremo a tutti la possibilità di partecipare all’assegnazione. Voglio tranquillizzare la cittadinanza che nessuno sarà dimenticato”.