Villaricca, presunto abuso edilizio degli autocostruttori dei 25 alloggi. Un “muro sospetto”

Villaricca, presunto abuso edilizio degli autocostruttori dei 25 alloggi. Un “muro sospetto”

L’opposizione ha denunciato la situazione del cantiere di corso Italia ai Carabinieri e all’ente VILLARICCA – Dubbi sul cantiere dell’autocostruzioni dei 25


L’opposizione ha denunciato la situazione del cantiere di corso Italia ai Carabinieri e all’ente

VILLARICCA – Dubbi sul cantiere dell’autocostruzioni dei 25 alloggi. Tutti i consiglieri di opposizione hanno denunciato, anche ai carabinieri, un possibile abuso edilizio perpetuato dalla cooperativa “Il Sogno” . Il centrodestra ha chiesto l’accertamento del presunto reato da imputare alla costruzione di un muro di recinzione sul confine nord-est del lotto. La struttura situata a corso Italia di 300 metri quadri si trova tra Corso Italia e la traversa omonima adiacente. Secondo il contratto di convenzione del maggio 2011 tra il Comune e la cooperativa quell’area dovrebbe essere obbligatoriamente ceduta gratuitamente al “pubblico” e destinata a verde.

Il permesso a costruire fu dato nel giugno 2010 dal consiglio comunale retto da sindaco vicario Giosuè Di Marino. Nel marzo dell’anno seguente fu dato il permesso a costruire. Il mese dopo fu approvato dalla giunta lo schema di convenzione e il progetto nel quale non era previsto alcun muro all’incrocio di corso Italia. Nel maggio seguente fu stipulata la convezione tra Comune e la cooperativa. Ad oggi manca la cessione dell’area ai costruttori.