Camorra, chiedevano il pizzo a Qualiano. Arrestate due persone

Camorra, chiedevano il pizzo a Qualiano. Arrestate due persone

Si tratta di Giovanni Amato e Michele Viglione. Sono stati sorpresi a estorcere 200 euro con minacce al proprietario di un bar


Si tratta di Giovanni Amato e Michele Viglione. Sono stati sorpresi a estorcere 200 euro con minacce al proprietario di un bar

QUALIANO – Siamo “gli amici”. Con questa formula due estorsori affiliati alla camorra si presentavano nella zona di Qualiano chiedendo danaro ai commercianti. I Carabinieri della stazione di Qualiano hanno tratto in arresto per estorsione aggravata dal metodo mafioso Giovanni Amato, 28 anni, residente a Marano di napoli in via Borsellino e Michele Viglione, 22 anni, residente a Qualiano in via Rossini.

I due sono stati sorpresi e bloccati dai Militari dell’Arma nella tarda serata di ieri, subito dopo aver costretto il proprietario 40enne di un bar a consegnare 200 euro con minacce e presentandosi come “gli amici”. Nello sviluppo dell’attività investigativa è stato inoltre sottoposto a fermo D. M., un 18enne di qualiano anch’egli già noto alle forze dell’ordine, gravemente indiziato di avere accompagnato Amato e Viglione a formulare la richiesta estorsiva anche la sera del primo ottobre.

Il denaro è stato rinvenuto e restituito al titolare del bar. Gli arrestati e il fermato sono stati portati nel centro penitenziario di Secondigliano e verranno giudicati con rito direttissimo.