Campo sportivo Melito: a metà novembre la conclusione dei lavori. Attesa per la riapertura

Campo sportivo Melito: a metà novembre la conclusione dei lavori. Attesa per la riapertura

La struttura di via Delle Palme è chiusa dal 2009. Circa 2 milioni di euro l’importo per gli interventi di restyling MELITO


La struttura di via Delle Palme è chiusa dal 2009. Circa 2 milioni di euro l’importo per gli interventi di restyling

MELITO – Si va verso la riapertura del campo sportivo comunale. A metà novembre infatti (la data più probabile pare sia venerdì 14) la Sporteco, la ditta esecutrice dei lavori, terminerà gli interventi all’impianto sportivo di via Delle Palme, ristrutturato in larga parte per un importo complessivo di 2 milioni di euro. Dalla data della consegna, poi si dovrà attendere qualche altra settimana per l’inaugurazione per consentire così alla cittadinanza e alle società sportive, di utilizzare il campo.

Se tutto andrà secondo i piani, entro dicembre finirà finalmente una querelle che dura addirittura dal 2009, anno in cui iniziarono gli interventi di rifacimento della struttura. Qualche settimana fa dall’amministrazione annunciarono come i lavori sarebbero terminati entro il mese d’ottobre. Ora, un piccolo slittamento che però non dovrebbe pregiudicare l’imminente riapertura.

Il restyiling prevede l’inserimento di un manto di erba sintetica di ultima generazione sia per il campo principale regolamentare Figc e per uno dei due campi da calciotto a cui si accompagnerà un opportuno collaudo.  Riammordernati anche gli spogliatoi principali e le tribune che, nella nuova versione, potrà contenere circa 1.200 persone.  Nel corso del tempo, come detto, tanti gli intoppi per i lavori al campo sportivo. Anzitutto logistici con lo spostamento di una grossa tubatura di gas che attraversava proprio le tribune dello stadio.E poi i problemi legati alla precedente ditta esecutrice dei lavori, la “Minerva’’ di Casandrino, messa in liquidazione e sostituita dalla “Sporteco’’ di corso Vittorio Emanuele, alla quale il consorzio bolognese “Unifica’’ ha riaffidato i lavori circa un anno fa.