Cimitero di Villaricca, caos loculi. L’opposizione lancia accuse di clientelismo

Cimitero di Villaricca, caos loculi. L’opposizione lancia accuse di clientelismo

Ad oggi sono disponibili 46 spazi cimiteriali. Il centrodestra con Sarracino imputa alla maggioranza: “I nomi per l’assegnazione erano già in possesso


Ad oggi sono disponibili 46 spazi cimiteriali. Il centrodestra con Sarracino imputa alla maggioranza: “I nomi per l’assegnazione erano già in possesso del consigliere D’Alterio”

VILLARICCA – L’amministrazione sulla questione cimiteriale è in difficoltà. Dopo il primo passo falso di metà settembre, la maggioranza ha bocciato la richiesta dell’opposizione di “invitare il caposettore a valutare la possibilità di inviare comunicazione a tutti i partecipanti al bando del 2010 aventi i requisiti richiesti”. La questione è relativa al bando 2010 quando fu previsto di assegnare 2 mila loculi. Le domande furono 611 ma l’amministrazione comunale riuscì a costruirne 216. Nel 2011 il dirigente ha provveduto a redigere una determina per l’assegnazione di 230 loculi, secondo la priorità dettate dal bando. Tre i criteri: esumazione, collocazione provvisorie in loculi di terzi, ricongiungimento delle salme da altri comuni. Dopo furono mandate le lettere ai richiedenti che avevano questa esigenza.

La gestione della delega cimiteriale, tra l’assessore Raffaele Cacciapuoti prima e il consigliere del Pd Bruno D’Alterio poi,  ha assegnato 170 loculi. Ad oggi sono disponibili 46 spazi cimiteriali. A causa della scadenza al 30 settembre per le richieste relative al bando 2010, nel consiglio comunale di martedì scorso D’Alterio affermò: “L’amministrazione non poteva esaurire tutte le domande e ha fatto la scelta. Nel 2011 è stata mandata una lettera ai cittadini che avevano l’esigenza di esumazione. Potevano venire al Comune allegando un certificato di morte. Tre le opzioni di richiesta per il loculo c’è il trasferimento, il posizionamento provvisorio e l’esumazione. Abbiamo continuato con su questa scia. – ha dichiarato D’Alterio in consiglio comunale – Chi ha avuto l’esigenza è venuto a portare il certificato di morte all’ufficio. Chi non è venuto significa che non ha le necessità. Comunque ci siamo riservati 10-15 loculi per coloro che si sono dimenticati”.

L’opposizione tramite il capogruppo del Pdl Luigi Sarracino attacca: “Chiedevano un allungamento della pubblicazione per informare tutti i richiedenti. Si dovevano mandare delle raccomandate a tutti coloro che parteciparono al bando 2010 con relativi requisiti, tutto andava fatto in 60 giorni. Se non chiudiamo questo bando non possiamo andare oltre. Secondo noi, in occasione di questa assegnazione, i nomi già erano in possesso dell’consigliere delegato d’D’Alterio e dell’ufficio mentre il resto delle persone non è stata avvisata. Questo è clientelismo”.