Clan Polverino, nuovo arresto per “Pataniello”. Chiedeva il pizzo a un’associazione di volontariato

Clan Polverino, nuovo arresto per “Pataniello”. Chiedeva il pizzo a un’associazione di volontariato

Salvatore Liccardi è già detenuto nel carcere di Secondigliano. E’ accusato di estorsione, rapina e associazione a delinquere di stampo camorristico POZZUOLI


Salvatore Liccardi è già detenuto nel carcere di Secondigliano. E’ accusato di estorsione, rapina e associazione a delinquere di stampo camorristico

POZZUOLI – Ordinanza di arresto ad un esponente di spicco del clan Polverino. I carabinieri della locale compagnia hanno notificato a Salvatore Liccardi, 40 anni, detto “pataniello”, operante a Quarto e nelle zone limitrofe, l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di napoli, su richiesta della direzione distrettuale antimafia partenopea, per rapina ed estorsione con l’aggravante delle finalità mafiose. L’uomo è già detenuto nell’istituto penitenziario di Secondigliano per associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, rapina ed usura,

Il provvedimento scaturisce da indagini condotte dai militari dell’Arma che hanno consentito di documentare un’attività estorsiva in danno di un’associazione di volontariato impegnata in servizi socio sanitari nell’area flegrea, costretta a versare, dal 2009 al 2011, per tre volte l’anno (pasqua, ferragosto e natale), una tangente da 2.500 euro. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è rimasto nel carcere di secondigliano.