Dissequestrati appartamenti ad Orta di Atella. Rinfrancate le famiglie

Dissequestrati appartamenti ad Orta di Atella. Rinfrancate le famiglie

Il provvedimento è stato emanato dal Tribunale di Napoli Nord ORTA DI ATELLA – Alcuni appartamenti costruiti sono stati oggetto di sequestro


Il provvedimento è stato emanato dal Tribunale di Napoli Nord

ORTA DI ATELLA – Alcuni appartamenti costruiti sono stati oggetto di sequestro penale per le irregolarità nel rilascio dei permessi a costruire. Rigettato dal Tribunale di Napoli Nord, con ordinanza del 1 ottobre 2014 dal giudice dottoressa la Monica, il ricorso per sequestro conservativo proposto dagli acquirenti nei confronti di una delle società costruttrici. Circa 40 dei 300 acquirenti degli appartamenti costruiti in Orta di Atella sono ricorsi al giudice per ottenere il sequestro conservativo, e fino alla concorrenza di 6 milioni di euro, dei beni di proprietà della società venditrice, esponendo che, per effetto delle irregolarità amministrative commesse dal Comune nel rilascio dei permessi a costruire e del sequestro operato in sede penale, avevano diritto ad essere risarciti per le somme spese.

Accogliendo le tesi difensive svolte dagli avvocati Carlo Maria Palmiero e Luciano Pennacchio, il Tribunale ha riconosciuto che non sussistevano i presupposti per l’invocato sequestro, vista l’inesistenza di problematiche economiche e/o commerciali a carico della medesima e la corretta condotta dalla stessa mantenuta. I predetti legali hanno preannunciato la prossima proposizione di un atto di citazione in giudizio nei confronti del Comune a garanzia delle ragioni proprie e dei propri acquirenti, dal momento che, come è evidente, la costruttrice è vittima, e non certo artefice, delle irregolarità amministrative che, purtroppo, hanno colpito tante famiglie. Non disperano, in ogni caso, di individuare con gli enti preposti soluzioni amministrative atte a salvaguardare gli interessi di tanti incolpevoli acquirenti.