E’ il qualianese Raffaele Di Francesco l’ennesima “morte bianca”

E’ il qualianese Raffaele Di Francesco l’ennesima “morte bianca”

Faceva il contadino ma con la crisi aveva deciso di lavorare nell’edilizia PORTICI – E’ una strage che avviene silenziosa e quotidiana,


Faceva il contadino ma con la crisi aveva deciso di lavorare nell’edilizia

PORTICI – E’ una strage che avviene silenziosa e quotidiana, spesso tralasciata all’ordine della sola cronaca. A farne le spese è stato Raffaele Di Francesco residente a Qualiano. L’incidente è avvenuto nella stazione di Pietrarsa di Portici a causa di un crollo (LEGGI).

Sposato e padre di tre figli, Di Francesco era un uomo saltuariamente impiegato nell’edilizia. La sua principale occupazione era di stampo agricolo in quanto possidente di diversi terreni. A fargli cambiare mestiere ha influito la crisi del settore sul quale pesa l’ombra della Terra dei Fuochi.

Pochi giorni fa aveva preso un lavoro con la ditta edile impegnata  nei lavori della stazione di Pietrarsa. Viveva nei pressi dello stadio comunale, prima che la famiglia venisse scossa ieri pomeriggio dal tragico annuncio.