Investì e uccise a Gaeta una 22enne di Parete. Condannato a solo un anno e 8 mesi

Investì e uccise a Gaeta una 22enne di Parete. Condannato a solo un anno e 8 mesi

I fatti nella piana di Sant’Agostino nell’agosto 2013. Fu ferito anche il fidanzato di Villaricca. Il giudice ha ritenuto di non chiedere


I fatti nella piana di Sant’Agostino nell’agosto 2013. Fu ferito anche il fidanzato di Villaricca. Il giudice ha ritenuto di non chiedere al pm di riformulare un’accusa più pesante

PARETE – Era il 10 agosto del 2013, quando due ragazzi, Rosa Falco di Parete, 22 anni, e il fidanzato Antonio Erario, 23 anni di Villaricca, furono investiti sulla piana di Sant’Agostino da un furgoncino Ford Transit di Aqualatina. La ragazza morì sul colpo. Il ragazzo invece rimase gravemente ferito. A più di un anno dalla tragedia, arriva la sentenza di primo grado: l’uomo alla guida del furgoncino, ritenuto responsabile di omicidio colposo, è stato condannato a un anno e 8 mesi di reclusione.

Una condanna che lascia perplessa la parte civile e i parenti della vittima. Il giudice che ha emesso il verdetto non ha infatti ritenuto di chiedere al pm di riformulare l’accusa sulla base dell’eccezioni opposte da Antonio Erario, rimasto ferito nell’incidente. Con la nuova richiesta del pm la condanna poteva arrivare a 15 anni di reclusione. Resta non del tutto chiara la dinamica dell’incidente: i periti non hanno mai accertato perché l’uomo a bordo del furgoncino abbia sterzato improvvisamente investendo i due giovani fidanzati.