Lavori ad una tubatura dell’acqua, traffico in tilt sulla circvumvallazione esterna

Lavori ad una tubatura dell’acqua, traffico in tilt sulla circvumvallazione esterna

La presenza di abusivi e cumuli di rifiuti completano un quadro che appare desolante MUGNANO – La circumvallazione esterna, la strada provinciale


La presenza di abusivi e cumuli di rifiuti completano un quadro che appare desolante

MUGNANO – La circumvallazione esterna, la strada provinciale che consente di raggiungere diversi comuni dell’hinterland partenopeo, la fascia costiera giuglianese e la zona flegrea della città di Napoli, si conferma una iattura per gli automobilisti. Questa volta a creare un enorme disagio alla circolazione e al traffico veicolare i lavori per la sostituzione di una conduttura idrica da parte della Regione Campania.

I lavori, tesi a migliorare il servizio, sono stati avviati oramai oltre 15 giorni fa. Da subito però si è capito che l’apertura del cantiere avrebbe provocato grosse code in una zona zona adiacente (si trova nell’opposta carreggiata) dal centro commerciale Auchan e dalla fermata della metropolitana di Mugnano.

Praticamente dimezzato il margine stradale per il transito. E’ questo il motivo principale della formazione di grossi ingorghi e di un traffico che esaspera sempre di più gli automobilisti. La situazione si fa incandescente in un attimo: basta che un quantitativo di veicoli leggermente superiore del solito passi nello stesso istante per trovarsi in una situazione simile a quella a cui si assiste perennemente sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria nei mesi estivi. A vivere i disagi non soltanto chi transita in quella zona con qualche veicolo, ma anche alcuni esercizi commerciali presenti nei pressi del cantiere, come il negozio di abbigliamento e scarpe “Victoria’’, gestito dai cinesi.

Ai problemi al normale flusso del traffico veicolare si aggiunge quello della presenza infittitasi negli ultimi tempi di venditori abusivi contrabbandieri di sigarette, e cumuli di rifiuti abbandonati sul ciglio della strada. Materiale di risulta, scarti di auto, sacchetti della spazzatura contenente umido, rendono la strada provinciale una discarica a cielo aperto; e neanche di piccole dimensioni. Anche sugli spartitraffici la situazione non migliora. Erbacce, vegetazione selvaggia, altra immondizia, ce n’è per tutti i gusti.

Gli operai della Regione Campania affermano che  lavori sono oramai quasi completati e che entro pochi giorni il tutto tornerà alla normalità. In attesa che ciò avvenga, la circumvallazione appare sempre di più un quadro dalla cornice decadente e dal paesaggio sbiadito.