Marano, raid alla villa confiscata alla camorra. Liccardo condanna i vandali

Marano, raid alla villa confiscata alla camorra. Liccardo condanna i vandali

Distrutte le caldaia e l’impianto elettrico. Il primo cittadino: “Sono indignato” MARANO – Il Sindaco di Marano di Napoli Angelo Liccardo condanna


Distrutte le caldaia e l’impianto elettrico. Il primo cittadino: “Sono indignato”

MARANO – Il Sindaco di Marano di Napoli Angelo Liccardo condanna fermamente il raid vandalico nella villa confiscata alla camorra di Via Marano-Quarto, gestita dall’Associazione “Aggregarci”. I vandali sono entrati nella notte all’interno della struttura e hanno distrutto la caldaia e l’impianto elettrico. Il primo cittadino ha dichiarato: “Sono indignato. Tali atti di teppismo sono il frutto di atteggiamenti degni solo della più ferma condanna. Un atto doloso deplorevole rispetto ai tanti percorsi di legalità che si stanno realizzando sul nostro territorio. Un episodio che però non ci ferma: ai segni del potere criminale rispondiamo ancora una volta con il potere dei segni, quello dell’impegno e della corresponsabilità, della mobilitazione. Un Noi che ci vede impegnati in tanti percorsi di giustizia e di economia sana che crescono e si allargano grazie alla collaborazione tra le tante Associazioni di volontariato, del mondo della Chiesa, delle Istituzioni, Prefettura, Magistratura e forze di Polizia, le energie sane della società. Solo unendo le forze degli onesti la richiesta di cambiamento diventa forza di cambiamento”.

Comunicato Stampa