Mugnano, nasce il “Laboratorio Trasversale”. Politici e non contro la vecchia politica

Mugnano, nasce il “Laboratorio Trasversale”. Politici e non contro la vecchia politica

Tra i promotori Gaetano Del Core, Nello Romaguolo e Luigi Sarnataro. Alla discussione partecipano persone di destra, sinistra e cittadini MUGNANO –


Tra i promotori Gaetano Del Core, Nello Romaguolo e Luigi Sarnataro. Alla discussione partecipano persone di destra, sinistra e cittadini

MUGNANO – Il loro è un progetto ambizioso ma complicato. In queste settimana circa 20 tra donne e uomini di diversa estrazione sociale e politica vogliono proporre un diverso modo di fare politica. E’ il “Laboratorio Trasversale” il soggetto politico che sta facendo discutere i diversi fronti, ormai prossimi alla campagna elettorale. L’idea è l’autodeterminazione delle scelte nella prossima tornata a prescindere dalle logiche dei numeri della raccolta voti e dalle imposizione delle consolidate nomenclature locali. L’idea è venuto all’ex Idv Gaetano Del Core, il neo-segratario di Sel Nello Romaguolo e all’uscente capogruppo del Pd Luigi Sarnataro.

In tanti hanno aderito alle prime due riunioni conoscitive:Pierluigi Schiattarella, Francesco Palma, Vincenzo Cardone, Daniela Maisto, Giovanni Mauriello, Biagio Miluccio, Roberta Baiano, Danila Conte, Michele Cerrone, Luca Avolio, Raffaele Liccardo, Salvatore di Stasio, Vincenzo Tesoro, Rita Esposito, Annarita Carotenuto, Umberto Principe, Salvatore De Stasio, Valentina Di Clemente, Biagio Bova, Giovanni Menna.

Tra di loro la dialettica sulle scelte è molto viva. Una delle questione che dovranno dirimere è il simbolo. Alcuni rivendicano l’appartenenza al partito alla luce delle iniziative svolte mentre altri sono disposti a lasciare i propri vessilli per avere un approccio più pragmatico. Si è dibattuto anche sulla figura del sindaco, idealizzato come una figura dinamica, capace, conscia dei meccanismi della macchina comunale. Persiste in più persone la convinzione che il futuro candidato debba essere giovane. Le diverse visioni iniziali non sono stati motivo di veti definitivi, in futuro questo fronte continuerà ad incontrarsi. Resta la volontà di poter interagire insieme a prescindere dall’appartenenza ideologica.