Pozzuoli, aveva dato fuoco al un ristorante di via Napoli: arrestato dalle forze dell’ordine

Pozzuoli, aveva dato fuoco al un ristorante di via Napoli: arrestato dalle forze dell’ordine

Antonio Ruggiero, 26 anni, identificato grazie alle impronte ritrovate dagli inquirenti su una bottiglia di plastica contenente liquido infiammabile e dalle telecamere


Antonio Ruggiero, 26 anni, identificato grazie alle impronte ritrovate dagli inquirenti su una bottiglia di plastica contenente liquido infiammabile e dalle telecamere di videosorveglianza

 POZZUOLI – Incendio del ristorante White Chill Out e l’omonimo lounge bar situato in via Napoli dello scorso luglio: i carabinieri della compagnia di Pozzuoli e gli agenti del commissariato di polizia arrestano l’attentatore.

Si tratta del 26enne Antonio Ruggiero, finito in manette dopo un provvedimento di custodia cautelare emesso nella giornata di ieri dal Procuratore Aggiunto della Repubblica Nunzio Fragliasso.
Il giovane dapprima cercò di dare fuoco alla sala esterna del ristorante lo scorso 3 giugno del 2014, quando però l’incendio fu prontamente domato. Successivamente però, il 1 luglio, Ruggiero ci riprovò, provocando questa volta diversi danni alle due strutture puteolane.

All’identificazione dell’autore del gesto si è pervenuti dopo che gli inquirenti hanno rinvenuto le impronte digitali del 26enne su una bottiglia di plastica contenente liquido infiammabile e grazie anche alle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza poste all’interno del ristorante e del lounge bar incendiati.