Truffa all’INPS, false aziende per percepire sussidi e malattie. Sequestrati beni per 145mila euro

Truffa all’INPS, false aziende per percepire sussidi e malattie. Sequestrati beni per 145mila euro

Società agricole fantasma costituite per giustificare finta manodera. I sequestri sono stati disposti in tutte le città di Napoli Nord HINTERLAND –


Società agricole fantasma costituite per giustificare finta manodera. I sequestri sono stati disposti in tutte le città di Napoli Nord

HINTERLAND – Truffa all’INPS. Sequestrati nella giornata di oggi beni per un ammontare di 145mila euro a Giugliano, Marano, Villaricca, Mugnano, Calvizzano e Quarto. Si tratta di beni mobili registrati e somme depositate presso conti correnti bancari e postali. Il sequestro è stato disposto dal Gip del Tribunale di Napoli sulla base delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza di Giugliano.

L’indagine ha interessato diverse aziende agricole “fantasma”. Per giustificare la manodopera fittiziamente occupata, le aziende dichiaravano falsamente la disponibilità di beni che appartenevano a terzi. I falsi datori di lavoro curavano poi l’inoltro, presso gli uffici dell’Ente Previdenziale, di denunzie di braccianti agricoli e certificazioni attestanti rapporti di lavoro rivelatisi insussistenti.

Con questo metodo, i falsi dipendenti percepivano emolumenti come sussidi di disoccupazione, malattia e maternità pur non avendo mai lavorato. I sequestri hanno interessato anche i comuni di Nola, Casoria e Somma Vesuviana. Gli indagati dovranno rispondere di truffa aggravata ai danni dello Stato e associazione a delinquere.