Villarrica, il Comune a caccia di sponsor per i dissuasori di sosta

Villarrica, il Comune a caccia di sponsor per i dissuasori di sosta

Insolito avviso dell’amministrazione Gaudieri pubblicato sul sito ufficiale. Si finanzia l’installazione di paletti e cunette con i soldi delle pubblicità  VILLARICCA –


Insolito avviso dell’amministrazione Gaudieri pubblicato sul sito ufficiale. Si finanzia l’installazione di paletti e cunette con i soldi delle pubblicità

 VILLARICCA – Sponsor di supermercati e pubblicità di negozi su cunette e paletti anti-sosta. Pare impossibile. E invece, in tempo di spending review, è il singolare avviso che il Comune di Villaricca ha pubblicato sul suo sito ufficiale, dove persino la sicurezza stradale è piegata alle esigenze di cassa.

Il Comune fa infatti sapere di essere alla ricerca di sponsorizzazioni e collaborazioni per l’installazione di dissuasori di sosta. In tempi di austerity l’amministrazione Gaudieri non disdegna dunque di chiedere la mano a soggetti esterni all’amministrazione comunale, “pubblici o privati (comprese le associazioni, amministrazioni di condominio, singoli cittadini) che intendano – si legge nell’avviso – proporsi come sponsor o come partner dell’Amministrazione per realizzare interventi di riqualificazione arredo urbano e di installazione di dissuasori di sosta”.

La finalità sarebbe quella di realizzare maggiori risparmi di spesa e fare cassa, nel perseguimento di finalità pubbliche, escludendo ogni tipo di conflitto di interessi pubblici/privati. Il soggetto che vuole proporsi come “partner dell’amministrazione” oltre a portare danaro, o meglio “risorse esterne”, dovrà attenersi a specifiche modalità ed attendere che la sua candidatura ed il suo progetto vengano valutati ed accettati.

L’avviso intende porsi come obiettivo principale quello della lotta alla sosta selvaggia e alla tutela dei pedoni e la stipula di una convenzione di sponsorizzazione tecnica darà la possibilità di esporre il cartello per la visibilità del logo/ ragione/denominazione sociale, ditta, marchio ecc. Insomma, Comune e cittadini uniscono i loro risparmi per “l’arredo urbano”. Ma state calmi: nel documento è specificato che l’avviso non ha carattere vincolante.

LEGGI L’AVVISO: