Marano, Consiglio comunale: domani in aula la mozione di sfiducia al presidente dell’assise

Marano, Consiglio comunale: domani in aula la mozione di sfiducia al presidente dell’assise

La mozione arriva dopo le proteste degli ultimi mesi che hanno visto l’opposizione autosospendersi da tutte le attività istituzionali MARANO – Torna


La mozione arriva dopo le proteste degli ultimi mesi che hanno visto l’opposizione autosospendersi da tutte le attività istituzionali

MARANO – Torna a riunirsi il Consiglio comunale, che domani sarà chiamato a discutere e votare la mozione di sfiducia contro il presidente dell’assise Angela di Guida. La mozione, presentata dall’opposizione, arriva dopo le proteste degli ultimi mesi che hanno visto la minoranza autosospendersi da tutte le attività istituzionali (consigli, commissioni) e scrivere una missiva al prefetto in cui si denunciava “la mancanza di democrazia in assise”.

Una decisione presa all’indomani del Consiglio comunale del 9 settembre, quando l’ex sindaco Mauro Bertini fu espulso dall’aula con una modalità non prevista dal regolamento. La mozione di sfiducia verrà votata con lo scrutinio segreto, modalità che potrebbe favorire il gioco dei franchi tiratori seduti tra le fila della maggioranza. Un’ipotesi, quest’ultima, che sembra però alquanto improbabile: la maggioranza targata Liccardo, archiviata la crisi di governo di qualche settimana fa, sembra infatti essere ritornata all’antica unità.

Oltre alla mozione di sfiducia, domani farà il suo ingresso in Consiglio comunale, tra le fila della maggioranza, Lino Catuogno, ex staffista del primo cittadino, che subentrerà al consigliere Salvatore De Stefano, nominato la scorsa settimana assessore alle Politiche Sociali.