Roghi al campo rom di Scampia, presto consiglio comunale congiunto a Melito

Roghi al campo rom di Scampia, presto consiglio comunale congiunto a Melito

Il vicesindaco con delega all’ambiente Marina Mastropasqua insiste: «Il Comune di Napoli intervenga» MELITO – Un consiglio comunale congiunto e monotematico tra Melito e


Il vicesindaco con delega all’ambiente Marina Mastropasqua insiste: «Il Comune di Napoli intervenga»

MELITO – Un consiglio comunale congiunto e monotematico tra Melito e l’VIII Municipalità di Scampia per stipulare azioni congiunte contro i roghi tossici del campo rom al confine tra i territori di Melito Mugnano (attualmente commissariato) ed il quartiere periferico napoletano.

La decisione, che dovrebbe portare entro breve tempo alla convocazione dell’assise in seduta straordinaria è stata presa dagli enti interessati per manifestare la propria contrarietà ad un fenomeno, quelli dei continui incendi nell’accampamento dei nomadi, che va avanti da anni. L’iniziativa non sarebbe nuova, visto che un’assise monotematica già si tenne circa un anno fa con argomento il sito di compostaggio di Scampia. «Siamo stanchi dei continui roghi. Il Comune di Napoli è inadempiente. Cosa si aspetta per intervenire con decisione?» è il refrain che ancora oggi risuona da una vasta area a nord di Napoli.

Anche il vicesindaco con delega all’ambiente Marina Mastropasqua continua a puntare il dito contro l’amministrazione De Magistris, rea di non essere intervenuta sino ad ora. Lo j’accuse della numero 2 dell’amministrazione Carpentieri si è manifestato anche qualche giorno fa in un intervento radiofonico a “La Radiazza”, programma di Radio Marte condotto da Gianni Simeoli. «Il Comune di Napoli sta oltremodo sottovalutando la portata della vicenda. Non possiamo più tollerare questo atteggiamento, mi sento di condividere appieno con i miei concittadini una situazione di grande disagio e pericolosità per la salute pubblica» è il pensiero della Mastropasqua che, a seguito delle dichiarazioni rese a Radio Marte, fa sapere di essere «stata contattata da un collaboratore dell’assessore Sodano che mi ha assicurato un’ imminente convocazione a palazzo San Giacomo. Sarà mia cura fornire aggiornamenti sull’evoluzione di questa sgradevole situazione».