Dal 1° gennaio parte il nuovo sistema di trasporti. Ecco come funzionerà

Dal 1° gennaio parte il nuovo sistema di trasporti. Ecco come funzionerà

I biglietti saranno suddivisi per fasce chilometriche. I vecchi ticket dovranno essere sostituiti presso gli infopoint del Consorzio Unico Campania entro il


I biglietti saranno suddivisi per fasce chilometriche. I vecchi ticket dovranno essere sostituiti presso gli infopoint del Consorzio Unico Campania entro il 31 marzo

HINTERLAND– Lo avevamo già annunciato: dal 1° gennaio cambia la struttura tariffaria dei trasporti pubblici in Campania. Ticket integrati (TIC) e titoli aziendali sostituiranno il vecchio biglietto UNICOCAMPANIA, utilizzabile ancora per poco. Gli utenti intestatari di abbonamento annuale al vecchio sistema tariffario potranno infatti adoperarlo fino alla data di scadenza prevista. Tutti gli altri ticket, invece, saranno validi fino al 31 gennaio, poi dovranno essere sostituiti (previo pagamento di un’eventuale differenza) presso gli infopoint del Consorzio Unico Campania entro il 31 marzo.

La più grande novità della prossima “rivoluzione dei trasporti” sarà la nuova struttura tariffaria, da gennaio calcolata su base chilometrica e non più oraria. Per questo motivo l’intero territorio regionale è stato suddiviso in 5 aree urbane e suburbane per i capoluoghi e in 16 fasce chilometriche per gli spostamenti extraurbani. Si amplia così la gamma di alternative per assecondare le diverse esigenze di chi utilizza i mezzi pubblici.

Con TIC AC, per esempio, sono possibili tutti gli spostamenti da un Comune all’altro, o all’interno dello stesso, senza passare per Napoli. Quindi per un eventuale tragitto all’interno di Giugliano, o da questo a Melito, bisognerà acquistare l’extraurbano TIC AC. A seconda della distanza di percorrenza, il nuovo biglietto avrà fascia chilometrica differente e di conseguenza anche il prezzo cambia. Invece è necessario munirsi di TIC-NA della corrispondente fascia chilometrica per gli spostamenti da un qualsiasi Comune a Napoli e viceversa.

Due grandi ambiti di spostamento (urbano ed extraurbano), dunque, ai quali corrispondono diverse tipologie di biglietto, che vanno dalla corsa semplice all’abbonamento annuale. Il nuovo sistema introduce anche la facoltà di scelta tra ticket aziendali, con i quali si può viaggiare solo sui mezzi di una stessa azienda (Anm per esempio), e ticket integrati, che consentono di utilizzare più mezzi di trasporto anche di società differenti. A fare la differenza saranno i costi, che per i titoli aziendali saranno naturalmente più bassi. Consultando il sito tic-campania.net è possibile conoscere la propria classe tariffaria.