Qualiano, in Consiglio non passa la privatizzazione della villa comunale. Scontro sui mercatini natalizi

Qualiano, in Consiglio non passa la privatizzazione della villa comunale. Scontro sui mercatini natalizi

L’opposizione ha ottenuto la sospensione della procedura di privatizzazione dello spazio pubblico QUALIANO – È la questione “privatizzazione della villa comunale” che ha tenuto


L’opposizione ha ottenuto la sospensione della procedura di privatizzazione dello spazio pubblico

QUALIANO – È la questione “privatizzazione della villa comunale” che ha tenuto banco durante l’assise di ieri a Qualiano. La richiesta dell’opposizione è stata quella d’invertire la discussione dei punti all’ordine del giorno ed anticipare il dibattito su questo punto, chiedendo di sospendere la procedura di affidamento. Il dibattito è durato circa tre ore tra sospensioni del consiglio e accesi confronti. Ancora una volta il sindaco si è difeso spiegando che non si tratta di privatizzazione ma di affidamento.

Perplessità sulla questione anche da parte di alcuni esponenti di maggioranza. Al dissenso del consigliere Marianna Zara già espresso sui social network, si sono aggiunti altri interventi, tra i quali quello del consigliere Liccardo e del Presidente dell’assise De Leonardis. Alla fine il provvedimento non è passato e l’opposizione ha ottenuto la sospensione.

Il consiglio è poi continuato soffermandosi su altri punti, altrettanto caldi, come quello relativo al mercatino natalizio e del suo sgombero. Ancora una volta sotto accusa il sindaco che si difende puntando il dito contro le forze dell’ordine, colpevoli, a suo avviso, di aver commesso un abuso di potere. Ma l’opposizione non ci sta allo scaricabarile e si infiamma chiamando il primo cittadino alle sue responsabilità.

Tra il serio e il faceto infine il punto su “Pataniello”: il tutto fare qualianese che sbriga lavori di manutenzione non autorizzati in giro per la città. la sua vicenda è diventata un caso. L’opposizione chiede all’amministrazione di autorizzarlo. Sulla questione in assise sono scoppiati applausi e sorrisi. Ma sul ruolo di “Pataniello” il primo cittadino ancora non ha deciso cosa fare.