Aumenti bolletta acqua, dietrofront dei commissari: “Era un errore”

Aumenti bolletta acqua, dietrofront dei commissari: “Era un errore”

Dopo il nostro articolo e le proteste dei cittadini, la triade rettifica l’equivoco generato da un “copia-incolla”. Scongiurati aumenti del 40% GIUGLIANO

@Armando Di Nardo

Dopo il nostro articolo e le proteste dei cittadini, la triade rettifica l’equivoco generato da un “copia-incolla”. Scongiurati aumenti del 40%

GIUGLIANO – Un errore di “copia-incolla” (LEGGI) rischiava di scatenare violente proteste ed un danno considerevole per le tasche dei cittadini. Dopo il nostro articolo, infatti, (LEGGI) immediato è partito il tam-tam di persone per chiedere chiarimenti alla Geset, società che gestisce i servizi di tesoreria. Anche il comitato “Acqua pubblica – bene comune” chiese un incontro al Comune per discutere della questione ed evitare un assemblea pubblica dinanzi al Municipio. Gli aumenti inoltre avrebbero generato un surplus ingiustificato visto che con gli attuali parametri si riesce già a pareggiare i costi (circa 8,5 milioni di euro all’anno).

Dopo l’incontro tra una delegazione di attivisti e la triade prefettizia alla presenza del dirigente di settore Domenico D’Alterio, dunque, è arrivata il 22 dicembre 2014 la delibera di rettifica che ha sistemato il tutto scongiurando così gli aumenti del 40% sulla bolletta dell’acqua. “Per un mero errore materiale – si legge – non sono state riportate correttamente nel deliberato le tariffe del servizio idrico al momento vigenti ed è ritenuto pertanto rettificare il quadro esplicativo delle tariffe per gli anni 2013 e 2014”.

Ora il Comune di Giugliano dovrà anche giustificare tale importo dopo aver ricevuto una diffida dall’Aeeg, l’Autorità per l’energia. Riavviati i conteggi con le tariffe esatte, le bollette dovrebbero arrivare verso la fine di marzo.