Niente carbone per gli azzurri, poker servito al Cesena nel ricordo di Pino Daniele

Niente carbone per gli azzurri, poker servito al Cesena nel ricordo di Pino Daniele

Apre Callejon, poi doppio Higuain e Hamsik con la complicità di Capelli. Anche il Cesena con il lutto al braccio CESENA –


Apre Callejon, poi doppio Higuain e Hamsik con la complicità di Capelli. Anche il Cesena con il lutto al braccio

CESENA – Chiuso il 2014 con la supercoppa, il Napoli comincia l’anno nuovo con una larga vittoria sul campo dell’ultima in classifica, imponendosi per 4 a 1 trascinato dal pipita Higuain, autore di una doppietta. Benitez preferisce dare un turno di riposo a Koulibaly, diffidato e a rischio squalifica per il big match di domenica sera con la Juventus – e schiera Henrique al centro della difesa. Gargano ancora titolare, sulla sinistra in attacco c’è De Guzman.

Lutto al braccio per entrambe le squadre, e lunghi applausi nel minuto di raccoglimento per Pino Daniele, ricordato anche successivamente con le sue canzoni diffuse durante l’intervallo.

Avvio difficile per gli azzurri, i padroni di casa pressano e si rendono pericolosi con due colpi di testa di Brienza e Almeida, ben parati da Rafael. Ma alla prima vera accelerazione il Napoli è in vantaggio: azione insistita di Higuain, il rimpallo favorisce Callejon che di destro batte Leali e torna alla rete, con il suo nono sigillo in campionato.

Il raddoppio arriva al minuto 41′, ed è un manifesto del gioco veloce di Benitez: Rafael lancia lungo verso Hamsik, il capitano vede l’inserimento di Higuain e gli serve un pallone invitante che l’argentino controlla e si sposta a destra eludendo l’uscita di Leali, per poi appoggiare in rete il 2-0 con cui si va al riposo.

La ripresa si apre con il Napoli pericoloso ancora sull’asse Hamsik-Higuain, Leali si rifugia in angolo. Dal corner è David Lopez a staccare libero a centro area, pallone alto. Entra Mertens per De Guzman, al 19′ è Higuain a vestire i panni dell’uomo assist e a mettere Hamsik davanti a Leali: il tiro dello slovacco è impreciso, ma Capelli è sfortunato nel tentativo di deviazione e spinge la palla nella propria porta.

Benitez lancia Jorginho per Gargano, ancora pochi minuti ed il poker è servito grazie alla doppietta di Higuain, che raggiunge Callejon a quota 9 sfruttando nel migliore dei modi il servizio di Mertens. Il Cesena accorcia con un bel sinistro al volo di Brienza, nel finale c’è spazio anche per Radosevic che rileva Callejon.

Il risultato non cambia più, il 2015 parte con tre punti importanti a dare continuità al successo in supercoppa. Domenica sera altro avversario bianconero, ma di ben altra levatura: c’è la Juventus, proprio nel giorno in cui verrà presentato al pubblico il trofeo conquistato a Doha, e nella stessa sera in cui Napoli ricorderà come si deve Pino Daniele.

fonte foto: corrieredellosport.it