Rifiuti indifferenziati a Qualiano, si intensifica la task force contro i trasgressori

Rifiuti indifferenziati a Qualiano, si intensifica la task force contro i trasgressori

Il sindaco De Luca: “Controllare significa ispezionare i sacchetti”. Sanzioni anche contro chi non fa bene la raccolta differenziata o abbandona l’immondizia


Il sindaco De Luca: “Controllare significa ispezionare i sacchetti”. Sanzioni anche contro chi non fa bene la raccolta differenziata o abbandona l’immondizia in strada

QUALIANO – Una task force contro chi “sabota” la raccolta differenziata. Accade da mesi a Qualiano, dove soprattutto il venerdì sera, giorno del conferimento dell’indifferenziato, cumuli di immondizia vengono depositati per strada. L’ultimo episodio risale allo scorso week end, quando gli operatori ecologici della società Qualiano Multiservizi hanno rilevato oltre 300 quintali di materiale non riciclabile in più rispetto alla media degli ultimi mesi, segno evidente che sono ancora in tanti a buttare tutto, indiscriminatamente, nel bustone.

Angolo tra via Dante Alighieri e via Tasso
Angolo tra via Dante Alighieri e via Tasso

“Controllare significa ispezionare i sacchetti. In macchina, fra le tante cose, ho guanti in lattice e salviettine imbevute per pulirmi le mani”, racconta al Il Meridiano News il sindaco De Luca, che collabora da tempo con vigili urbani e forze dell’ordine per verificare che nell’indifferenziato non sia occultato materiale da riciclare (come vetro, plastica, carta) e che siano davvero scarti inutilizzabili quelli conferiti: “Le buste dell’indifferenziato sono anche piene di plastica, vetro ed altri materiali riciclabili. – continua il primo cittadino – Questo vuol dire che c’è chi approfitta di questo giorno per non separare i rifiuti e buttare tutto assieme con grave danno per tutti”.

E l’attività di controllo non si ferma a verificare cosa ci sia nell’immondizia. Se la spazzatura non è conforme agli standard della raccolta differenziata, l’incivile viene punito con salatissime multe. Non solo: i rifiuti differenziati che non rispettano gli standard non vengono ritirati per dare un segnale ai cittadini. Le sanzioni poi arrivano a pioggia su chi, ancor peggio, adotta la pratica del “sacchetto selvaggio”, abbandonando la busta sul ciglio delle strade di periferia: un reato che costa 600 euro.

Costante è il monito che l’amministrazione comunale rivolge alla cittadinanza affinché sia profusa la massima collaborazione possibile per una corretta gestione dei rifiuti. Differenziare presenta il duplice vantaggio di contribuire a salvaguardare l’ambiente e risparmiare sui costi: meno rifiuti indifferenziati si portano in discarica, meno si paga per il loro smaltimento. Non solo, più è alta la percentuale di differenziata, più bassa è la tassa che le famiglie pagano sull’immondizia.