Dieci febbraio, il giorno del ricordo. 50mila persone uccise e 400mila costrette ad emigrare

Dieci febbraio, il giorno del ricordo. 50mila persone uccise e 400mila costrette ad emigrare

Il centro Sportivo Fiamma promuove una serie di iniziative per ricordare i tragici eventi avvenuti sul confine orientale nella II Guerra Mondiale.


Il centro Sportivo Fiamma promuove una serie di iniziative per ricordare i tragici eventi avvenuti sul confine orientale nella II Guerra Mondiale. Prevista la proiezione del film storico “Il Segreto di Italia”

Come ogni anno il Centro Nazionale Sportivo Fiamma promuove in tutta Italia una serie di iniziative tese a favorire il ricordo dei tragici eventi avvenuti sul confine orientale, che dopo l’8 settembre del ’43 ha conosciuto a varie ondate l’odio e la ferocia di un’ideologia, quella comunista.

locandinaI partigiani jugoslavi di Tito insieme ai conniventi partigiani comunisti italiani hanno applicato una vera pulizia etnica, uccidendo e gettando nelle foibe -cavità di tipo carsiche profonde centinaia di metri- nell’immediato dopoguerra ed imponendo successivamente con la violenza un esodo delle popolazioni italiane dell’Istria, Venezia Giulia e Dalmazia, con l’intento di dimostrare che oramai i territori erano a maggioranza slava potendole annettere facilmente, ció ha significato la fine di oltre 400.000 italiani (tra infoibati e esodati)

“Da anni, prima ancora della istituzione della legge del 2004, – dichiara Arzillo Antonio – abbiamo promosso iniziative su questa tragedia cancellata dalla storia solo per scopi politici in quanto era palese la responsabilità dei Comunisti italiani. Una vergogna quello dell’oblio che ha ucciso due volte i nostri connazionali, non solo infoibati ma anche umiliati al punto di non poterli ricordare, definiti a prescindere fascisti, ma la verità oramai affiora con tutti i suoi orrori- continua il dirigente – quest’anno abbiamo, nel territorio a Nord di Napoli, deciso di dedicare il nostro impegno verso eventi istituzionali, con le varie conferenze in programma, ma anche nella promozione del film storico “Il Segreto di Italia” boicottato dalle grandi case di distribuzione perche diceva la verità sui crimini dei partigiani comunisti, che vede tra l’altro la partecipazione di Romina Power, mentre negli ultimi appuntamenti facciamo un parallelo tra popoli oppressi dall’ideologia comunista, con iniziative promosse insieme all’associazione Popoli operante in Birmania”.

Comunicato stampa