Giugliano, stamani il taglio del nastro di Villa Ammaturo. Cantone: “Importante restituire beni alla città”

Giugliano, stamani il taglio del nastro di Villa Ammaturo. Cantone: “Importante restituire beni alla città”

Il presidente dell’Anticorruzione ha parlato anche di Carmine Schiavone, definendolo un personaggio “ambiguo, ma chiave nella lotta alla camorra” GIUGLIANO – Si è


Il presidente dell’Anticorruzione ha parlato anche di Carmine Schiavone, definendolo un personaggio “ambiguo, ma chiave nella lotta alla camorra”

GIUGLIANO – Si è tenuto stamani il taglio del nastro di Villa Ammaturo, il centro polisportivo realizzato su un bene confiscato alla criminalità organizzata. L’impianto, costituito da una piscina e dalle pertinenze funzionali per svolgervi la pratica del nuoto, è stato affidato all’Associazione Sportiva Dilettantistica ‘‘Alba Oriens’’, che si avvarrà a sua volta della collaborazione di un partner associativo per curare la formazione sportiva degli utenti.

Alla cerimonia di affidamento erano presenti i commissari straordinari Giuseppe Guetta, Fabio Giombini e Luigi Colucci, il presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone e tutte le istituzioni cittadine.

“Quello di oggi è un momento importantissimo, poiché si restituisce alla collettività un bene sottratto alla criminalità organizzata – spiega Raffaele Cantone – Il centro polisportivo Villa Ammaturo rappresenta a tutti gli effetti un importante presidio di legalità per tutto il territorio”.

Durante le interviste al presidente dell’Anticorruzione non sono mancate le domande sulla morte, improvvisa, di Carmine Schiavone. “Schiavone è certamente un personaggio molto ambiguo – dichiara Cantone – In ogni caso, a prescindere dall’aspetto personale, ha rivestito un ruolo fondamentale nella lotta alla camorra, consentendo alla magistratura di far luce sulla gestione del clan dei Casalesi e sul traffico di rifiuti che ha devastato questo territorio”.

 GUARDA IL VIDEO:

GUARDA LA FOTOGALLERY: