Dopo il brivido russo, arriva il ciclone Gonzalo: Napoli batte Dinamo Mosca 3-1

Dopo il brivido russo, arriva il ciclone Gonzalo: Napoli batte Dinamo Mosca 3-1

Risultato che poteva assumere proporzioni ben maggiori, ospiti in 10 per tutta la ripresa. Mertens incontenibile, si rivede Zuniga NAPOLI – Primo


Risultato che poteva assumere proporzioni ben maggiori, ospiti in 10 per tutta la ripresa. Mertens incontenibile, si rivede Zuniga

NAPOLI – Primo round per il Napoli, Higuain scuote i suoi dopo un avvio da incubo e con una tripletta stende la Dinamo Mosca, portando i suoi ad affrontare il match di ritorno con fiducia e discreta tranquillità.

Il vantaggio poteva assumere dimensioni ben maggiori, ma gli azzurri in jeans non sfruttano le tante occasioni della ripresa, quando gli ospiti – complice l’inferiorità numerica – cedono di schianto pagando la lunga pausa del campionato russo.

Eppure i russi alla prima occasione vanno in rete: su calcio d’angolo Kuranyi stacca meglio di Henrique e batte Andujar, subito dopo Koulibaly alza bandiera bianca e lascia posto ad Albiol.
Il Napoli reagisce presto e comincia a macinare occasioni, la Dinamo va in affanno soprattutto sugli esterni, dove Mertens è incontenibile. E proprio da un’azione sull’out sinistro arriva il pari: cross di Ghoulam teso e preciso, Higuain si avvita e accarezza il pallone di testa spingendolo dove Gabulov non può arrivare.

Mertens continua con le sue accelerazioni, pochi minuti e il Napoli va in vantaggio: il belga semina il panico in area ospite, viene toccato e finisce giù: è rigore, sul dischetto va Higuain che opta per una conclusione forte e centrale su cui il portiere non può nulla. E’ la rete del 2-1 con cui si va al riposo.

In avvio di ripresa l’episodio che cambia definitivamente gli equilibri: Zobnin, già ammonito, entra a gambe unite su Ghoulam. Ci starebbe anche il rosso diretto, ma il risultato non cambia: Dinamo in 10, e Napoli che spinge con ancora più foga e convinzione.

Dieci minuti e Higuain fa tris: servizio di Mertens, controllo e sinistro al volo spettacolare sul palo lungo. E’ la rete più bella della serata, quella che incrementerà la sua collezione di palloni firmati.
Da qui in poi il Napoli diventa lezioso e lascia spazio allo spettacolo, creando e sprecando contro un avversario all’angolo che sembra solo attendere il colpo del KO.

Ma Mertens, Higuain e soprattutto un Callejon sempre più vittima di sortilegio non riescono ad incrementare lo score. Nella ripresa torna finalmente in campo Zuniga, una bella notizia per il colombiano e per Benitez che potrebbe ritrovare un elemento importante nell’ultima parte di stagione, che il Napoli affronta restando in corsa su tre fronti.

A Mosca non sarà facile, i russi fino a stasera non avevano mai perso in Europa League, dopo un girone a punteggio pieno e una qualificazione meritata contro l’Anderlecht. Ma il Napoli di stasera ha dimostrato di essere nettamente più forte, ed il re di coppe Benitez vorrà senza dubbio proseguire la cavalcata continentale.