Inceneritore a Giugliano, l’associazione La Città Possibile: “Si ricorra al Consiglio di Stato”

Inceneritore a Giugliano, l’associazione La Città Possibile: “Si ricorra al Consiglio di Stato”

Si mobilitano anche altre associazioni che hanno avviato una raccolta firme per indire un referendum contro la realizzazione dell’impianto GIUGLIANO – No


Si mobilitano anche altre associazioni che hanno avviato una raccolta firme per indire un referendum contro la realizzazione dell’impianto

GIUGLIANO – No all’inceneritore, la città torna a mobilitarsi. Dopo la sentenza del Tar che ha rigettato il ricorso presentato dal Comune di Giugliano, dando così parere favorevole alla realizzazione del termovalorizzatore, singoli cittadini, movimenti ed associazioni hanno ripreso la battaglia per scongiurare la costruzione dell’impianto.

L’associazione “La città possibile” ha firmato un appello, protocollato stamani al Comune, in cui chiede alla triade prefettizia di fare ricorso al Consiglio di Stato nella speranza di ribaltare così la sentenza del tribunale amministrativo e annullare il bando per la costruzione dell’inceneritore.

Per presentare appello l’Ente ha infatti tempo fino al 24 maggio. A mobilitarsi in questi giorni sono stati anche gli attivisti del Movimento Cinque Stelle che, insieme alle associazioni “Giugliano Bene Comune” e “Ibris”, hanno dato vita ad una raccolta firme per indire un referendum. Da stamani è possibile firmare nelle sale comunali, nelle prossime settimane il Comitato Referendario No Inceneritore organizzerà una raccolta firme in svariati punti del territorio.