Basta un quarto d’ora di vero Napoli: 2-2 al San Paolo, è semifinale!

Basta un quarto d’ora di vero Napoli: 2-2 al San Paolo, è semifinale!

Gli azzurri soffrono nel primo tempo ma Andujar è attento, poi ci pensano Callejon e Mertens illuminati da Higuain. Domani il sorteggio


Gli azzurri soffrono nel primo tempo ma Andujar è attento, poi ci pensano Callejon e Mertens illuminati da Higuain. Domani il sorteggio

NAPOLI – Missione compiuta, il Napoli passa in semifinale di Europa League eliminando il Wolfsburg con il 2-2 del San Paolo, dopo il roboante 1-4 dell’andata. I tedeschi chiamati all’improbabile rimonta ci provano soprattutto nella prima frazione, poi calano ed il Napoli torna letale in contropiede. Qualche disattenzione costa la rimonta ospite, buona comunque solo per l’onore.

Nel primo tempo il Wolfsburg torna a fare il Wolfsburg, ovvero la squadra che è seconda in Bundesliga, e si lancia in avanti alla ricerca di un miracolo, mentre il Napoli si dimostra meno brillante ed incisivo del perfetto match di andata. I tedeschi vanno più volte vicini al vantaggio, ma trovano sulla loro strada un provvidenziale Andujar che in avvio su Perisic e al 40′ su Bendtner si oppone bene; tra le due parate dell’argentino anche le occasioni sprecate dallo stesso Bendtner e da Trasch. Solo nel finale si vede il Napoli, con Higuain che gira bene di sinistro sul cross di Ghoulam ma non centra la porta.

Nella ripresa la spinta degli ospiti sembra esaurita, il Napoli si fa pericoloso con le scorribande di Mertens – sul suo tirocross Callejon riesce solo a sfiorare, a due passi dalla porta – e subito dopo trova il vantaggio: contropiede al 5′ orchestrato da Higuain che controlla palla, alza lo sguardo e pesca Callejon, lo spagnolo carica il sinistro da fuori area su cui è decisiva la deviazione di Rodriguez: palla alle spalle di Benaglio e piccoli timori di rimonta spazzati via. Subito dopo il portiere svizzero esce bene proprio su Callejon ben lanciato da Mertens e gli nega la doppietta.

Insigne subentra ad Hamsik, il Napoli gioca sciolto mentre i tedeschi hanno messo da parte le residue speranze, al 20′ Higuain è ancora prezioso uomo-assist e mette in porta Mertens: sul tiro del 14 napoletano Benaglio si oppone bene, ma nulla può sul successivo tap-in del belga che di sinistro fa 2-0 e va a ringraziare il Pipita. Pipita che poi lascia spazio a Zapata, prendendosi l’ovazione dell’intero stadio e rimandando alla semifinale la sua caccia alla vetta della classifica cannonieri: Higuain è a quota 7, davanti a lui solo Lukaku ed Alan ad 8 reti ma già eliminati.

Ora è il Napoli a rilassarsi, la difesa balla ed il Wolfsburg nel giro di 2 minuti prima accorcia con Klose, di testa su azione da corner, e poi trova il pari con Perisic, sempre di testa. Entra Henrique per Mertens a rinfoltire il pacchetto arretrato,

L’avversaria per il doppio confronto di semifinale verrà fuori domani dall’urna di Nyon alle 13, la finale di Varsavia è a due passi, da compiere il 7 ed il 14 maggio. Possibili avversarie gli ucraini del Dnipro, gli spagnoli del Siviglia e la Fiorentina.