Giugliano, si teme nuova escalation di rapine. La Coigiass: “Si gioca sulla pelle dei cittadini”

Giugliano, si teme nuova escalation di rapine. La Coigiass: “Si gioca sulla pelle dei cittadini”

Porcaro, vice presidente dell’associazione: “Il Corso Campano chiuso è fuori controllo” GIUGLIANO – L’ultimo fatto di cronaca (LEGGI) riaccende di nuovo i


Porcaro, vice presidente dell’associazione: “Il Corso Campano chiuso è fuori controllo”

GIUGLIANO – L’ultimo fatto di cronaca (LEGGI) riaccende di nuovo i riflettori, purtroppo in negativo, sulla Ztl del centro storico giuglianese. Adesso si teme una nuova escalation di microcriminalità dopo quella del periodo invernale con furti e rapine che erano quasi sempre all’ordine del giorno.

A lanciare l’allarme è ancora una volta la Coigiass, l’associazione di commercianti ed imprenditori giuglianesi. “Qui si sta giocando sulla pelle dei cittadini – afferma Rosario Porcaro, vice presidente dell’associazione – non è possibile avere ancora un Corso nuovo di zecca chiuso e senza alcun controllo. Soprattutto di notte è terra di nessuno. Ci sono baby-gang che si aggirano liberamente sugli scooter. Ci vorrebbero delle guardie di quartiere”.

“I fatti di oggi parlano chiaro – aggiunge – prima il tentativo di rapina con forze dell’ordine impossibilitate ad essere presenti sul posto. Poi ci hanno messo due camion enormi al Corso paralizzando tutto. Per concludere, hanno chiuso un arteria importante come via Licoda senza alcun preavviso. La comunicazione resta un optional in questa città, le cose cambiano sempre all’improvviso. Così si continuano a favorire gli ipermercati a danno del commercio locale”.

Infine, dito puntato ancora una volta contro la gestione dei lavori Piu Europa. “I lavori continuano ad andare a rilento ed il cronoprogramma continua a non essere rispettato – conclude Porcaro – In questo modo non potremmo mai diventare come Aversa o altre città che hanno deciso di intraprendere una mentalità europea”.