Inceneritore di Giugliano, il Tar respinge il ricorso presentato dai comuni dell’hinterland

Inceneritore di Giugliano, il Tar respinge il ricorso presentato dai comuni dell’hinterland

Brutte notizie per i cittadini dell’area nord. Il tribunale amministrativo boccia la richiesta dei comuni di Qualiano, Melito, Marano, Villaricca e Calvizzano


Brutte notizie per i cittadini dell’area nord. Il tribunale amministrativo boccia la richiesta dei comuni di Qualiano, Melito, Marano, Villaricca e Calvizzano per fermare la realizzazione dell’eco-mostro

HINTERLAND – Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Prima) ha respinto il ricorso dei comuni di Qualiano, Melito, Marano, Villaricca e Calvizzano contro la realizzazione del termovalorizzatore di Giugliano per i rifiuti stoccati in balle in Campania e contro la regione Campania nei confronti di Enel Produzione Spa per l’annullamento del bando di gara emesso dal Commissario Straordinario ai fini dell’affidamento della concessione per la progettazione definitiva ed esecutiva, realizzazione e gestione del termovalorizzatore per i rifiuti. A farlo sapere, in un comunicato ufficiale, l’Agenzia Stampa per l’Energia.

“La parte ricorrente ha sollevato la questione di legittimità costituzionale (….). In particolare, la scelta di localizzare l’impianto sul territorio comunale di Giugliano sarebbe arbitraria ed irragionevole, non essendo state evidenziate le ragioni del superamento della specifica e straordinaria tutela ambientale in precedenza attribuita alle aree individuate. Sotto questo profilo – si legge nella sentanza – la scelta di localizzare l’impianto nel Comune di Giugliano non appare irragionevole, considerato che, come riconosciuto dalla stessa parte ricorrente, la maggiore quantità di eco-balle da eliminare è posta proprio sul territorio comunale di Giugliano e nelle aree limitrofe, con conseguente riduzione dei costi e dei rischi connessi al loro trasporto in siti più lontani. In tale prospettiva, un siffatto impianto, se progettato “mediante l’applicazione delle migliori tecnologie disponibili a salvaguardia della salute della popolazione e dell’ambiente” (…) si pone esso stesso come valido strumento per avviare una completa bonifica dei siti attualmente occupati dall’accumulo di eco-balle”.