Arriva l’ultimo sì, il Senato approva gli ecoreati. Da oggi chi inquina paga

Arriva l’ultimo sì, il Senato approva gli ecoreati. Da oggi chi inquina paga

Via libera al testo Micillo-Realacci-Pellegrino. Raddoppiati i termini di prescrizione ROMA – Dopo anni di battaglie gli ecoreati sono legge. E’ arrivato


Via libera al testo Micillo-Realacci-Pellegrino. Raddoppiati i termini di prescrizione

ROMA – Dopo anni di battaglie gli ecoreati sono legge. E’ arrivato quest’oggi l’ultimo via libera da parte del Senato:  170 voti favorevoli, 20 contrari e 21 astenuti. Approvato dunque il provvedimento sostenuto dal giuglianese Salvatore Micillo (M5S), Ermete Realacci (Pd) e Serena Pellegrino (Sel).

I crimini contro l’ambiente non saranno più puniti con semplici contravvenzioni. I reati in questione sono l’inquinamento, il disastro ambientale, l’impedimento dei controlli, l’omessa bonifica, il traffico di materiale radioattivo.

Altra novità è costituita dai tempi di prescrizione, che sono stati raddoppiati. Pene severe per i trasgressori. Si può arrivare anche a 15 anni di reclusione. Con una legge del genere, quindi, si arriverà più facilmente alla condanna dei responsabili di disastri ambientali come quelli della Terra Dei Fuochi.

“30 anni di attesa, 30 anni di mancata bellezza – ha commento su Facebook il deputato giuglianese Salvatore Micillo-  Oggi si è fatta la Storia. Grazie a tutti voi per averne fatto parte”.