Giugliano, confronto con i candidati a sindaco organizzato dalla Coigiass

Giugliano, confronto con i candidati a sindaco organizzato dalla Coigiass

I 7 aspiranti alla carica di primo cittadino hanno risposto alle domande di commercianti ed imprenditori per il rilancio economico della città


I 7 aspiranti alla carica di primo cittadino hanno risposto alle domande di commercianti ed imprenditori per il rilancio economico della città

GIUGLIANO – Hanno provato ad abbassare i toni i 7 candidati a sindaco dopo una settimana ad alta tensione, vissuta tra l’aggressione al candidato grillino, il raid all’auto di Luigi Guarino e l’inchiesta che vede coinvolti 4 dirigenti e fa tremare ancora una volta il palazzo comunale.

11281819_10207161264215476_468992685_nL’occasione è stata il convegno organizzato dalla Coigiass (Commercianti ed Imprese Città di Giugliano associati), tenutosi ieri alla biblioteca comunale di via Verdi. Domande volte al rilancio economico della città lasciando da parte per una serata le mere questioni politiche. All’evento, oltre ai vertici dell’associazione come il presidente Antonio Guarino ed il vice Rosario Porcaro, hanno preso parte altri importanti esponenti del mondo del commercio e dell’impresa come Tecla Magliacano, Direttore della Confesercenti Provinciale di Napoli e membro di Giunta della Camera di Commercio di Napoli, Angelo Punzi presidente dell’azienda Gma con sede nella zona Asi di Giugliano, e rappresentanti del Sib.

Sul palco, nel convegno moderato dal giornalista Mario Rispetto, tutti e 7 gli aspiranti alla carica di primo cittadino: Vincenzo Basile (Fratelli d’Italia), Andrea D’Alterio (lista Giugliano Metropoli), Franco Guardascione (Pd), Luigi Guarino (Forza Italia), Nicola Palma (M5S), Antonio Poziello (Poziello sindaco) ed Anna Russo (CambiaMenti).

Il confronto è stato incentrato su 5 temi in particolare: Fascia Costiera, Zona Asi, Mercato Ortofrutticolo, lavori PIU Europa e Zona a traffico limitato.

Fascia Costiera. Si è discusso dei lidi ancora sequestrati, della necessità di un nuovo piano spiagge, dell’importanza di un lungomare senza muri (nel programma di Poziello) e delle possibili vocazioni turistiche della zona e del Lago Patria. Luigi Guarino ha poi ricordato l’esposto che ha presentato in Procura per il mare negato.

Zona Asi. Il problema principale è stato individuando quasi da tutti nella scarsa sicurezza dell’area industriale giuglianese, oppressa tra campi rom, microcriminalità, discariche e roghi tossici che mettono in fuga gli imprenditori. Poi si è discusso dell’importanza di una sburocratizzazione per permettere agli imprenditori di investire più facilmente.

Mog. I candidati hanno ribadito l’importanza di una gestione mista pubblica-privata e del buon lavoro del nuovo direttore del Mercato, il manager Giuseppe La Rocca. Si è discusso anche della ristrutturazione della aree non utilizzati del Mog per rendere il polo ortofrutticolo più efficiente.

PIU Europa. La gestione dei lavori di restyling del centro storico sembra aver scontento quasi tutti. La futura amministrazione dovrà quindi valutare le sanzioni per i tecnici responsabili di non aver rispettato il crono-programma ed aver stravolto troppo il progetto iniziale. Unico fuori dal coro sul tema Franco Guardascione che ha detto “è inutile stare sempre a lamentarsi, la riqualificazione c’è stata”.

Ztl. Ognuno ha presentato dei progetti per animare l’isola pedonale di Corso Campano ribadendo l’importanza del dialogo con i commercianti a differenza di quanto avvenuto con i commissari.

Infine la chiusura del presidente della Coigiass. “Dobbiamo guardare i giovani, – ha affermato Antonio Guarino – c’è un territorio da salvaguardare. Avevamo un territorio bellissimo che è stato distrutto. Questa città ha tante eccellenze e tocca alla futura classe politica non far scappare i giovani”.