Giugliano, elezioni violente. Candidato grillino insultato e preso a schiaffi

Giugliano, elezioni violente. Candidato grillino insultato e preso a schiaffi

Vincenzo Pane è stato aggredito ieri sera in via Marinone. La strada fu già sotto i riflettori per una presunta compravendita di voti in


Vincenzo Pane è stato aggredito ieri sera in via Marinone. La strada fu già sotto i riflettori per una presunta compravendita di voti in cambio di lavori stradali

GIUGLIANO – Una macchia sulla campagna elettorale giuglianese. Un candidato al consiglio comunale nella lista del Movimento Cinque Stelle, Vincenzo Pane, è stato aggredito ieri sera in via Marinone, dove abita. Erano le 21 quando l’uomo è stato avvicinato da due individui che prima lo hanno insultato per la sua appartenenza politica mentre era a bordo della sua autovettura; poi, non contenti, lo hanno tirato fuori dall’abitacolo con la forza e lo hanno schiaffeggiato e preso a pugni. Vincenzo Pane è stato poi trasportato al pronto soccorso dell’Ospedale San Giuliano, dove è giunto in stato confusionale. Il referto è stato inoltrato al commissariato locale.

Secondo quanto riporta anche il candidato sindaco al Movimento Cinque Stelle, Nicola Palma, alla base dell’aggressione, vi sarebbe la vicenda della presunta compravendita di voti che Vincenzo Pane, insieme ad altri attivisti grillini, denunciò circa dieci giorni fa, quando nella stradina che congiunge via Epitaffio a via Pigna furono ritrovati dei volantini a firma di Maurizio Daniele, candidato nella lista “Giugliano Libera” in sostegno di Antonio Poziello, che promettevano l’asfaltatura della strada. La vicenda fece scalpore e Antonio Poziello ne prese subito le distanze.

Ma la vicenda però non si ferma qui. I due aggressori, secondo quanto riferisce la vittima, sarebbero gli stessi che il 9 maggio hanno predisposto i lavori per asfaltare via Marinone e gli stessi che, ieri mattina, sono stati immortalati da Vincenzo Pane mentre sversavano rifiuti speciali in fondo alla stradina.

“E’ uno schifo, una vergogna – tuona indignato il candidato sindaco Nicola Palma -. E’ evidente che la campagna elettorale è compromessa da criminali che con la politica non hanno niente a che fare. La prima cosa da fare è denunciare questi individui”. “Si faccia chiarezza – scrive Antonio Poziello sul suo profilo Facebook – è necessario che le forze dell’ordine facciano luce sulla vicenda, individuando gli aggressori e i motivi del gesto.”