Lago Patria, protesta anti-ruspe. Carica dei poliziotti contro i manifestanti. VIDEO

Lago Patria, protesta anti-ruspe. Carica dei poliziotti contro i manifestanti. VIDEO

Un centinaio di persone ha occupato il cortile del parco Fedele. La proprietaria è sul tetto dello stabile e minaccia di lanciarsi nel


Un centinaio di persone ha occupato il cortile del parco Fedele. La proprietaria è sul tetto dello stabile e minaccia di lanciarsi nel vuoto. GUARDA IL VIDEO

GIUGLIANO – Situazione tesa a Lago Patria, in via Madonna del Pantano, al civico 39, non lontano dalla base Nato. Circa cento manifestanti hanno occupato il cortile di un parco privato dove devono essere eseguite due ordinanze di abbattimento ai danni di due stabili di proprietà della famiglia Brio Alano. Pronti già i mezzi per le operazioni preliminari di sgombero. Intorno alle 11 gli agenti della Polizia, presenti in tenuta anti-sommossa, hanno caricato i manifestanti. La proprietaria di uno degli stabili è salita sul tetto e ha minacciato di togliersi la vita.

Sul posto ci sono tantissimi cittadini e residenti giuglianesi, tra cui anche donne e bambini. Alcuni di essi si sono simbolicamente incatenati al cancello di ingresso del parco, prima che i vigili del fuoco spezzassero le catene ed entrassero all’interno del complesso residenziale. Eloquente lo striscione appeso sulle grate: “Stop agli abbattimenti. Giù le mani dai nostri sacrifici”.

“Vogliamo solo una proroga di quindici giorni – fanno sapere i proprietari dei due stabili – tra poco arriverà la pronuncia della Corte d’Appello e della Cassazione sui ricorsi che abbiamo presentato. Abitiamo in quella casa. Non possono cacciarci via in questo modo. Siamo una famiglia”.

Ore 12 e 20. La proprietaria è scesa dal tetto dello stabile. I poliziotti e l’avvocato di famiglia sono riusciti a convincerla. A quanto pare, il legale dei coniugi Brio Albano è riuscito a trovare un escamotage che sospenderà le operazioni di abbattimento. La situazione tende dunque alla normalità.

Ore 10 e 40. I vigili del fuoco hanno forzato l’ingresso principale forzando le catene e sono riusciti ad entrare all’interno del parco. Una prima carica dei poliziotti ha allontanano i manifestanti. Sono volate manganellate. Dopo lo scontro, però, i celerini si sono tolti simbolicamente i caschi per placare gli animi ed evitare il peggio.

Ore 11. La proprietaria dello stabile, in piedi sul tetto dell’edificio, minaccia di lanciarsi nel vuoto. Chiede ai poliziotti e ai vigili del fuoco di lasciare immediatamente il parco e di sospendere le operazioni di sgombero per 15 giorni, fino alla pronuncia del giudice sul ricorso presentato contro l’ordinanza di abbattimento.

GUARDA IL VIDEO DELLA CARICA:

GUARDA LE FOTO: