Mugnano, Piscopo chiude la campagna elettorale: “Noi siamo tutta un’altra storia”

Mugnano, Piscopo chiude la campagna elettorale: “Noi siamo tutta un’altra storia”

Breveintervista al candidato del centrodestra che ieri ha incontrato i suoi elettori con un evento a villa San Lorenzo MUGNANO – Aniello Piscopo


Breveintervista al candidato del centrodestra che ieri ha incontrato i suoi elettori con un evento a villa San Lorenzo

MUGNANO – Aniello Piscopo è il primo dei quattro candidati a chiudere la campagna elettorale. Lo fa con un evento che si è tenuto ieri sera a villa San Lorenzo, uno di quegli spazi verdi che ha promesso di rilanciare e di riconsegnare alla cittadinanza. Per il momento la villetta è affollata da un folto numero di sostenitori della sua coalizione che si sono stretti intorno alla figura del candidato sindaco, per supportarlo negli ultimi giorni prima del voto. Al momento di salire sul palco, il volto di Piscopo è segnato dall’emozione ma quando si tratta di parlare la voce non tradisce.

Dopo i ringraziamenti di rito, il discorso verte subito sulla parte del programma che sta piscopo2più a cuore a Piscopo: il rilancio del mercato del lavoro e delle imprese sul territorio. Rilancio che secondo lui deve passare per due strade: un piano industriale in grado di attrarre gli investimenti delle imprese e il risanamento del commercio cittadino. Poi il pensiero vola ai suoi avversari politici e agli attacchi ricevuti nel corso della campagna elettorale. In particolare Piscopo respinge le accuse che in queste settimane hanno gettato ombre sulla sua coalizione, mettendo in dubbio la sua onesta e quella delle persone intorno a lui. “Sull’onesta non transigo, è la nostra forza e non ammetto che venga messa in discussione”. Prima di abbandonare il palco rivolge un’ultima battuta ai giovani che lo circondano, “lo so che il momento storico è difficile, ma non vi scoraggiate faremo di tutto per mettervi nelle condizioni di crescere senza dover andare via”.

Tralasciando la questione politica, l’”uomo” Aniello Piscopo cosa prova nel vedere l’entusiasmo di tante persone?

Oltre a provare una grande emozione, provo un grande senso di responsabilità. Tutta questa gente è qui per sostenere le nostre idee e non possiamo deluderli.

Scorrendo il suo programma e quello di Sarnataro è facile notare molti punti in comune. Perché i cittadini dovrebbero scegliere lei e non Sarnataro?

La questione è semplice, la concretezza è la mia diversità. Io sono un uomo del fare. Non prometto cose irrealizzabili, cose semplici per migliorare la vivibilità dei cittadini.

All’interna della sua coalizione sono presenti liste che prima facevano parte del centrosinistra, come si tiene insieme una coalizione cosi eterogenea?

La nostra eterogeneità è una ricchezza. La convivenza di anime diverse può essere solo un vantaggio per noi, perché indifferentemente della storia politica di ognuno di noi, remiamo tutti per il bene di Mugnano.

Un appello per chi si recherà a votare domenica?

Tralasciando discorsi di parte, l’importante è dare un valore al proprio voto. Votate chi ha concetti concreti per Mugnano e non per un tornaconto personale.