Emergenza immigrati, Arzillo tuona: “Fermare l’ennesimo centro di accoglienza sul nostro territorio”

Emergenza immigrati, Arzillo tuona: “Fermare l’ennesimo centro di accoglienza sul nostro territorio”

Il segretario cittadino de “La Destra” e il dirigente di FDI Emanuele Bifaro solidarizzano con i cittadini protagonista della protesta fuori all’Hotel


Il segretario cittadino de “La Destra” e il dirigente di FDI Emanuele Bifaro solidarizzano con i cittadini protagonista della protesta fuori all’Hotel di Francia. Venerdì pomeriggio nuova manifestazione

GIUGLIANO – Solidarietà ai cittadini di Licola è stata espressa oggi dal dirigente de La Destra Antonio Arzillo, candidato alle ultime comunali con la Lista di Fratelli D’italia e dal dirigente nazionale di FDI Emanuele Bifaro contro il nuovo centro di accoglienza a Licola nella struttura del Ristorante Di Francia.

Sull’argomento dichiara Arzillo: “Questo pomeriggio contattato dai cittadini di Licola sono andato ad esprimere la mia piena solidarietà e sostegno alla popolazione che protestava contro l’arrivo di altre centinaia di immigrati nell’ennesimo Centro di Accoglienza. Premesso che sono contro questa assurda e indegna gestione dell’affare immigrazione dove per un clandestino diamo circa 900 euro al mese per vivere imponendo poi ad un nostro anziano di sopravvivere con 400 di pensione. Mi devono poi spiegare perchè chiedono sempre alle zone maggiormente degradate di fare da ghetto perchè i centri non li fanno a fare nella bella Costiera oppure a Posillipo e poi sarebbe questi i grandi progetti di rilancio del nostro litorale programmati dalle amministrazione di sinistra del Comune – Regione.”

Continua invece il Dirigente Nazionale Emanule Bifaro “e’ impensabile che una zona che dovrebbe rappresentare lo sviluppo del territorio oltre che uno sbocca lavorativo per i giovani di giugliano venga di nuovo mortificato e sacrificato per interessi economici, in quello stesso luogo dove oggi ci sono gli immigrati il sindaco Poziello insieme al Governatore De Luca avevano promesso sviluppo e ricchezza per il litorale giuglianese, invece già sapevano che dopo poche settimane sarebbe diventato l’ennesimo ghetto per accogliere immigrati, senza servizi e senza le dovute prescrizioni sanitarie”

L’impegno non si è esaurito con questa giornata infatti gli esponenti Arzillo e Bifaro insieme ai tanti cittadini si sono dati appuntamento per venerdi pomeriggio per un nuovo incontro per continuare la battaglia contro il centro di accoglienza.