Allarme baby-gang al centro, ma di mezzo ci vanno i commercianti

Allarme baby-gang al centro, ma di mezzo ci vanno i commercianti

Controlli a tappeto da parte della Municipale. Negozi costretti a liberare marciapiedi da sedie e tavolini GIUGLIANO – Pugno duro dell’amministrazione dopo l’aggressione


Controlli a tappeto da parte della Municipale. Negozi costretti a liberare marciapiedi da sedie e tavolini

GIUGLIANO – Pugno duro dell’amministrazione dopo l’aggressione ai due agenti della Polizia Municipale nelle strade del centro storico. Nel corso della mattinata alcuni vigili hanno condotto dei controlli presso numerose attività commerciali constatando, In molti casi, la mancata autorizzazione ad occupare spazi di suolo pubblico. Tavolini, sedie, fioriere. I negozianti sono stati costretti a sgombrare i marciapiedi di via Roma e corso Campano.

viaroma3La scelta, però, non è stata digerita dai commercianti, che si vedono ingiustamente colpiti per una questione che non ha nulla a che vedere con l’attività commerciale. “Cosa c’entriamo noi con l’aggressione di ieri? – denuncia la titolare di un noto esercizio della zona – in che modo favoriremmo gli episodi di microcriminalità mettendo sedie e tavolini per i nostri clienti? Senza sedie e tavoli, si disincentiva la presenza dei giovani”. Di fronte al controllo, alcuni negozianti hanno “disobbedito” agli ordini, riappropriandosi degli spazi pubblici a beneficio dei loro clienti.

La situazione, in verità, è più complessa di quanto possa sembrare e tira in ballo anche la mancata riscossione della TOSAP (tassa di occupazione di suolo pubblico) da parte dell’amministrazione comunale. Il regolamento che prevede la tassa esiste da tempo ma non è mai stato attuato. Molte richieste di autorizzazioni da parte dei commercianti giacciono nei cassetti del comune.

Per favorire il commercio del centro senza impantanarlo nelle pastoie della burocrazia, l’amministrazione avrebbe “tollerato” tacitamente l’occupazione dei marciapiedi fino al 30 settembre, con la chiusura del periodo estivo, come raccontano alcuni commercianti. Ma l’improvviso allarme sicurezza scatenato dall’episodio di ieri ai danni dei due vigili avrebbe costretto il Comune a un improvviso dietrofront. Colpendo, però, la categoria sbagliata.