Furto d’auto a Cuma, la Polizia Stradale arresta uno dei ladri in tangenziale

Furto d’auto a Cuma, la Polizia Stradale arresta uno dei ladri in tangenziale

Il 42enne è stato fermato nei pressi di Fuorigrotta e subito processato. Dovrà anche risarcire la vittima per il danno. Ora è


Il 42enne è stato fermato nei pressi di Fuorigrotta e subito processato. Dovrà anche risarcire la vittima per il danno. Ora è caccia al complice

ZONA FLEGREA – Aveva rubato un furgone ma è stato subito intercettato dagli agenti. I predisposti servizi di controllo della Polizia di Stato, sul tratto stradale A/56 – tangenziale -, coordinati dal Centro Operativo Autostradale, hanno consentito, stamane, di arrestare in tempi rapidissimi un ladro d’auto.

Salvatore ESPOSITO, di 42 anni, infatti, intorno alle 7,00 di stamane, in località Lago d’Averno, in compagnia di un complice, attivamente ricercato, con uno stratagemma ha costretto un automobilista a scendere dalla propria autovettura Fiat Qubo, impossessandosene.

L’immediato allarme alla Polizia di Stato ha consentito di allertare le pattuglie della sezione della Polizia Stradale di Fuorigrotta.

L’autovettura segnalata è stata intercettata dai poliziotti, poco dopo dello svincolo di Fuorigrotta, mentre percorreva la careggiata est in direzione Capodichino.

Grazie al coordinamento delle pattuglie dislocate sul territorio, una pattuglia dei R.I.P.S. ha imposto l’alt al conducente dell’auto che, dopo aver  tentato vanamente di fuggire, è stato costretto ad arrendersi alla Polizia Stradale.

Nella Fiat Qubo sono stati rinvenuti sia i documenti dell’autovettura che quelli d’identità intestati alla vittima, oltre al suo tablet.

Il ladro ha confessato d’essere responsabile del furto, pur non rivelando l’identità del suo complice, attivamente ricercato dalla Polizia.

Processato, immediatamente stamane, con giudizio per direttissima, gli è stata inflitta la misura dell’Obbligo di firma alla P.G., tenuto conto che ESPOSITO si è impegnato nel risarcire del danno causato alla vittima, con la somma di €.500.

Sono in corso ulteriori indagini per la cattura del complice.