Giugliano, Impresiamo: “Non si può penalizzare la viabilità senza avere gli adeguati strumenti”

Giugliano, Impresiamo: “Non si può penalizzare la viabilità senza avere gli adeguati strumenti”

La presidente Tecla Magliacano chiede un tavolo urgente di concertazione tra associazioni ed istituzioni  GIUGLIANO – La Presidente di Impresiamo interviene sul


La presidente Tecla Magliacano chiede un tavolo urgente di concertazione tra associazioni ed istituzioni 

GIUGLIANO – La Presidente di Impresiamo interviene sul piano traffico, a seguito del caos che sta devastando l’ordine territoriale. “Basti pensare che al mattino, una mamma che accompagna un figlio a scuola, affinché arrivi puntuale, dovrebbe uscire di casa soltanto alle 7, altrimenti, il rischio è di ritrovarsi nel traffico in tilt”, esordisce Magliacano.

“Nessuna polemica sterile, ma solo un voler porre l’accento, su una realtà che rischia di degenerare, in termini, di ordine pubblico. Vogliamo cambiare la forma mentis della cittadinanza? Perfetto, che gli si mettano a disposizione gli strumenti adatti per poterlo fare. Non è possibile pensare ad un popolo autodidatta, che s’ingegna con iniziative e mezzi, e ne abbiamo un chiaro esempio con “Ciclopasseggiando”. È indispensabile creare una città a misura di bambini, adulti ed anziani”.

“Ergo, – continua la Magliacano – guardando, in primis, alle problematiche con l’occhio del cittadino, Impresiamo, vuole affiancare il Sindaco in tutte le sue decisioni, affinché si punti alla vivibilità. Pertanto, in qualità di Presidente, chiedo con urgenza, un tavolo di concertazione, che sia, oltretutto, permanente, tra le Istituzioni e le Associazioni di categoria. È importante mettere insieme il turismo, il commercio, l’Amministrazione ed unire, le voci del passato e del presente. In tal modo, possiamo provare a porre basi solide per il futuro, sia in termini di cittadinanza che ne beneficia, sia di cariche che un giorno saranno al nostro posto.

“Dobbiamo costruire e dare un’impronta efficace del nostro operato, ad oggi fatiscente. – conclude – Per fare questo e per evitare la paralisi del territorio, deve esserci confronto, collaborazione e cultura, senza la quale non può esserci sviluppo”.

comunicato stampa – foto: archivio