Giugliano, la Coigiass: “Commercio in calo e problema sicurezza. Poziello ci dia una risposta”

Giugliano, la Coigiass: “Commercio in calo e problema sicurezza. Poziello ci dia una risposta”

L’associazione dei commercianti dopo il furto alla gioielleria: “Il Corso va riaperto fino alla fine dei lavori e poi la Ztl andrà


L’associazione dei commercianti dopo il furto alla gioielleria: “Il Corso va riaperto fino alla fine dei lavori e poi la Ztl andrà fatta con le telecamere. Il piano traffico è roba ‘Striscia La Notizia’”. 

GIUGLIANO – Il furto alla gioielleria “Desideri d’Oro” di Corso Campano, avvenuto la scorsa notte, riaccende i riflettori sulla questione sicurezza in città ed al centro storico in particolare. Dito puntato ancora una volta sulle transenne che delimitano l’isola pedonale e che andrebbero a creare di notte una vera e propria zona franca per i rapinatori. Con il varco chiuso, infatti, l’accesso al Corso viene impedito anche alle forze dell’ordine, oltre ai cittadini che percorrendo la strada potrebbero notare movimenti strani.

rosario porcaro
Rosario Porcaro

“Quei cancelli sono una cosa inaccettabile ed impensabile per una città normale. – denuncia Rosario Porcaro, vice-presidente dell’associazione di commercianti ed imprenditori “Coigiass” – L’isola pedonale va fatta controllando gli accessi con le telecamere e non così. Nell’ultimo furto alla gioielleria i ladri hanno agito praticamente indisturbati. In questa fase Giugliano ha molti handicap che derivano dai cantieri ed il varco va aperto subito come diciamo da tempo. Soprattutto di notte è inutile. Una volta terminate tutte le opere, poi, si potrà ragionare con una vera e propria Ztl”.

I lavori del “Piu Europa” stanno causando ancora molti disagi alla cittadinanza, soprattutto per quanto riguarda la viabilità, e le soluzioni da parte dell’amministrazione tardano ad arrivare. “L’opera va ancora avanti troppo lentamente ed il piano traffico attuale va rivisto perché causa situazioni assurde. Faccio un esempio – aggiunge Porcaro – per raggiungere il noto ristorante “Fenesta Verde” occorre fare per forza un’infrazione percorrendo via Licante contromano perché è l’unica soluzione possibile. Roba da Striscia La Notizia. Noi commercianti non possiamo fare i navigatori via telefono ad i nostri clienti che si trovano spiazzati e non riescono a raggiungerci”.

Domani mattina ci sarà un nuovo incontro tra la ditta, il sindaco Poziello, l’assessore ai Lavori Pubblici Pianese e la stessa Coigiass. Il tavolo si preannuncia infiammato. “L’operato dell’impresa è fallimentare. – dice ancora Porcaro – La nostra associazione ingaggerà dei tecnici, a spese nostre, a cui farà controllare tutti i lavori come sono stati eseguiti. Dal sindaco e dalla sua giunta ci aspettiamo ancora risposte concrete. Comprendiamo che la situazione è stata ereditata dai commissari ma se non si trova una soluzione al più presto finiranno anche loro sotto accusa. Intanto – conclude – il commercio registra un ulteriore calo delle vendite e la gente al Corso sembra ancora poca se non si organizzano eventi”.