Giugliano, la proposta di Ascione: “Basta sprechi, utilizziamo i cubetti del Corso per il cimitero”

Giugliano, la proposta di Ascione: “Basta sprechi, utilizziamo i cubetti del Corso per il cimitero”

Dopo il “mistero” del materiale rimosso al Corso Campano, l’esponente di Fratelli d’Italia propone di riutilizzare il porfido del nuovo cantiere impiegando


Dopo il “mistero” del materiale rimosso al Corso Campano, l’esponente di Fratelli d’Italia propone di riutilizzare il porfido del nuovo cantiere impiegando disoccupati giuglianesi

GIUGLIANO – I cubetti di porfido rimossi dal Corso Campano durante il restyling del “Piu Europa” hanno già fatto discutere molto nei mesi scorsi. Che fine hanno fatto? Secondo molti (sembra essere questa l’ipotesi più accreditata) sarebbero finiti addirittura in discarica, determinando un spreco stimato intorno al milione di euro. Si tratta, infatti, di pezzi molto pregiati che potevano essere tranquillamente riutilizzati.

Adesso il cantiere è proseguito su di un altro tratto, quello che va da via Marconi a Piazza Annunziata e Pasquale Ascione, esponente di Fratelli d’Italia ed esperto nel settore, che ha già denunciato l’accaduto a più riprese, lancia una proposta per evitare un nuovo spreco del costoso materiale.

“Adesso i lavori stanno proseguendo su un altro tratto e potremmo usare questi cubetti per pavimentare il lato nuovo del cimitero. – dice Ascione – Sono già stato sul posto per verificare la fattibilità. I cordoni potranno essere usati per delimitare le aiuole. La mia idea è quella di realizzare un lavoro con pochi soldi”.

“Se si fa una gara ci vogliono almeno 200mila euro – aggiunge – quindi io propongo, per risparmiare, di usare operai giuglianesi, scegliendoli soprattutto tra i disoccupati. I posatori di porfido di Giugliano sono conosciuti in tutto il mondo. Così quindi risparmiamo, dovremmo acquistare solo il cemento, e facciamo un buon lavoro impiegando i nostri concittadini che attualmente hanno difficoltà lavorative”.

“Io ora mi trovo in pensione ma, per il bene della città, posso organizzare il tutto. Buttare ancora questo materiale in discarica sarebbe assurdo. Ho già inviato una proposta al sindaco Poziello, – conclude Ascione – ma dopo la campagna elettorale non mi risponde più. In questo caso non mi interessa la politica, voglio dare un contributo alla città”.