Giugliano non è Gomorra. Poziello nega l’autorizzazione alle riprese

Giugliano non è Gomorra. Poziello nega l’autorizzazione alle riprese

Ritengo la fiction diseducativa, crea emulazioni. Giugliano è diversa e distante dalla rappresentazione che ne diede la serie GIUGLIANO – Dopo le polemiche


Ritengo la fiction diseducativa, crea emulazioni. Giugliano è diversa e distante dalla rappresentazione che ne diede la serie

GIUGLIANO – Dopo le polemiche per l’articolo comparso su Repubblica che indicava Giugliano come luogo in cui sarebbero dovute essere girate scene della fiction Gomorra 2, oggi Poziello rivela di aver negato l’autorizzazione delle riprese. Queste le parole del sindaco:

“Giugliano non è Gomorra. La serie tv non mi piace. Questione di gusti, certo. La ritengo, a dispetto certamente delle intenzioni degli stessi autori, diseducativa. Che esalti il ruolo dei “cattivi”, generando emulazioni tra bande di ragazzini sbandati. Creando eroi negativi che divengono modelli da imitare. Nell’eloquio tutt’altro che immaginifico. Nell’abbigliamento. Nella condotta a-morale.

Gomorra fotografa certamente uno spaccato di società partenopea, ma non ci aiuta a sconfiggerla. Anzi! E’ un’opinione personale. Ma il personale ed il pubblico, quando si è sindaci di una città, spesso si sovrappongono.
Giugliano è una città con luci ed ombre. Ricca di contraddizioni, che vuole lasciarsi alle spalle l’onta del commissariamento per infiltrazioni camorristiche. Che cerca occasioni di riscatto. Ma, soprattutto, Giugliano è diversa e distante dalla rappresentazione che ne diede la serie “Gomorra”.

Quella stessa serie a cui oggi ho negato l’autorizzazione a girare nella nostra città. So che alcune scene sono state già registrate a Giugliano in maggio, in locali privati. Non saranno, però, registrate scene in luoghi pubblici. E mi auguro che gli autori vorranno avere un rispetto ed una considerazione di questa città diversi da quelli che le hanno tributato in precedenza. In caso contrario, siamo pronti a portare la produzione in tribunale.”