Caos a Marano, Bertini dà in escandescenze e rompe i microfoni in aula consiliare

Caos a Marano, Bertini dà in escandescenze e rompe i microfoni in aula consiliare

Ferito alla testa un addetto, consiglio sospeso. Intervengono i vigili urbani MARANO – Una piega inaspettata e violenta, quella che ha presto


Ferito alla testa un addetto, consiglio sospeso. Intervengono i vigili urbani

MARANO – Una piega inaspettata e violenta, quella che ha presto pochi attimi fa il consiglio comuale di Marano. Il consigliere di minoranza Bertini, infatti, ha letteralmente scatenato il panico in aula con una reazione che ha sorpreso tutti i presenti e portato al ferimento di un addetto alla microfonia.

La bagarre è nata quando – mentre si discuteva della delibera consiliare proposta dall’opposizione sull’istituzione di una commissione speciale atta ad aggiornare il regolamento comunale – al consigliere Bertini è stata tolta la parola dal presidente del consiglio comunale Vincenzo Marra in quanto, secondo quest’ultimo, uscito fuori tema.

L’esponente de L’altra Marano ha reagito in maniera violenta, spazzando via i microfoni e scagliandosi contro la consolle dei comandi. A farne le spese l’addetto all’audio, che è stato colpito alla fronte da un oggetto schizzato via, subendo una ferita con conseguente perdita di sangue. Per lui tre punti di sutura, ed una prognosi di sette giorni.

Sul posto ora i vigili urbani, che hanno riportato la calma in aula. Il consiglio è naturalmente sospeso, si attendono aggiornamenti sulla sua ripresa e sulle possibili sanzioni per Mauro Bertini, che intanto è stato accompagnato fuori dagli stessi vigili. Successivamente sono arrivati anche i carabinieri, guidati dal tenente Francesco Tessitore.

Sull’accaduto si registra la prima dichiarazione del presidente del consiglio Marra: “Clima da guerriglia urbana, gesto inaccettabile e deprecabile. Non si è mai visto in un consiglio comunale una reazione così violenta. Gesto premeditato. Il consigliere Bertini farebbe bene a dimettersi”.