Caso Mariniello, prosegue la polemica sui social. Il sindaco: “No comment”

Caso Mariniello, prosegue la polemica sui social. Il sindaco: “No comment”

Il bando sarebbe stato “cucito” ad hoc per il quarto uomo di fiducia del sindaco. I penta stellati minacciano di inviare il


Il bando sarebbe stato “cucito” ad hoc per il quarto uomo di fiducia del sindaco. I penta stellati minacciano di inviare il carteggio in Procura

GIUGLIANO – Prosegue nelle ultime ore su Facebook la polemica nata a seguito della notizia pubblicata dal consigliere dei Cinque Stelle Nicola Palma sulla procedura di scelta del quarto componente dello staff del sindaco il cui nome sarebbe stato già deciso prima della pubblicazione del bando.

In molti, tra cittadini ed esponenti politici, ritengono che il bando sarebbe stato ” cucito” ad hoc sui requisiti della persona che dovrebbe essere scelta, Guido Mariniello, il quale, secondo indiscrezioni, già dal giorno dopo l’insediamento di Poziello, occupava una delle stanze dell’ufficio del primo cittadino fungendo da suo collaboratore. Mariniello, vecchia conoscenza del sindaco, avrebbe conseguito solo da poco tempo una mini laurea presso l’Università Telematica Pegaso.

Intanto Antonio Poziello, interpellato dalla nostra redazione sul punto, non intende rilasciare dichiarazioni sull’argomento e si trincera in un eloquente “no comment”, né affida una spiegazione ai social, com’è solito fare con propri concittadini sin dal suo insediamento.

I penta sellati minacciano, nel caso dovesse essere scelto proprio Guido Mariniello, di inviare tutto il carteggio alla Procura della Repubblica. Sarà difficile a questo punto che il funzionario al personale, la dottoressa Galiano, o il segretario comunale, la dottoressa Flores, possano avallare una procedura che sembra viziata ab origine. Decine sono i candidati che hanno presentato la loro domanda al Comune nella convinzione che il bando fosse svolto nella massima trasparenza.