Migranti, Palma fa arrabbiare Poziello. La risposta “Sono comunista e favorevole all’accoglienza”

Migranti, Palma fa arrabbiare Poziello. La risposta “Sono comunista e favorevole all’accoglienza”

L’esponente del M5S ha tirato in ballo una questione che ha riguardato l’attuale primo cittadino giuglianese quando ricopriva il ruolo di assessore


L’esponente del M5S ha tirato in ballo una questione che ha riguardato l’attuale primo cittadino giuglianese quando ricopriva il ruolo di assessore a Castellammare 

GIUGLIANO – Discussione accesa stamani in consiglio comunale sul tema dei migranti ospitati in città. Due interventi della minoranza, in particolare, hanno fatto alzare i toni.

Prima quello di Luigi Guarino che ha espresso dubbi sui controlli alle strutture riguardo all’agibilità delle stesse, poi quello di Nicola Palma che ha citato la questione di una delibera molto discussa elaborata dal sindaco a Castellammare, quando ricopriva il ruolo di assessore alle Politiche Sociali per l’ente stabiese.

La questione, relativa proprio al tema dell’accoglienza, arrivò anche in Parlamento e venne bloccata dal Ministero dell’Interno per alcune presunte irregolarità.

Il consigliere Palma ha letto in aula un articolo apparso sul quotidiano “Roma” qualche mese fa.

L’esponente grillino ha dunque dichiarato: “viste queste strane coincidenze, non mi fido di questa amministrazione nella gestione dei centri d’accoglienza”.

“Quella delibera rappresenta una questione totalmente diversa che ora non c’entra nulla. – ha tuonato Poziello – Invito a non gettare ombre. Io sono comunista, sono uno che ha fatto dei valori dell’accoglienza una ragione di vita.  Credo che i migranti vadano accolti e che la solidarietà sia una valore essenziale. L’accoglienza però è tutt’altra cosa rispetto a quello che sta accadendo a Giugliano. Ho detto ‘stop’ a nuovi arrivi – ha aggiunto il sindaco – perchè la situazione attuale rappresenta una bomba sociale e non c’entra nulla con la solidarietà”.

Ecco l’intervento del consigliere Palma. GUARDA IL VIDEO: