Patto Casalesi-Secondiglianesi per il traffico di droga, in manette 19 persone

Patto Casalesi-Secondiglianesi per il traffico di droga, in manette 19 persone

I pusher vendevano gli stupefacenti nel casertano e a nord di Napoli. Sequestrati anche 200 grammi di cocaina e 20mila euro in


I pusher vendevano gli stupefacenti nel casertano e a nord di Napoli. Sequestrati anche 200 grammi di cocaina e 20mila euro in contanti

HINTERLAND – Dalle prime ore del mattino è in corso una vasta operazione contro lo spaccio di droga che vede impegnati uomini della Polizia di Stato e dei Carabinieri di Caserta. Le indagini coordinate dalla DDA di Napoli hanno consentito la cattura, per i reati di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, di 19 indagati legati al “clan dei casalesi” fazione Bidognetti-Schiavone di Casal di Principe e al “clan Vanella-Grassi” di Secondigliano.

Secondo quanto accertato dagli investigatori della Polizia di Stato e dei Carabinieri di Caserta, il clan dei Casalesi, attraverso i figli di elementi di spicco della cosca, ha gestito direttamente lo spaccio della droga sul territorio casertano mentre negli anni si occupava esclusivamente di finanziarne il traffico. I pusher del clan vendevano le sostanze stupefacenti anche a Casal di Principe, a san Cipriano d’Aversa, Villa Literno e altri comuni limitrofi.

Emersi legami con il gruppo camorristico di via Vanella Grassi, a Secondigliano, dove gli emissari dei Casalesi acquistavano la droga. Tra le 19 persone arrestate figurano anche Ettore e Giuseppe Pacifico, figli di Dionigi Pacifico, arrestato di recente dalla Squadra Mobile della Questura di Caserta e ritenuto elemento di spicco del clan dei Casalesi.

I militari dell’Arma dei Carabinieri, nel corso delle operazioni di perquisizione presso le abitazioni di alcuni soggetti colpiti da provvedimento cautelare, hanno sequestrato oltre 200 gr. di cocaina, diverse munizioni e circa 20mila euro in contanti.

GUARDA IL VIDEO