Sotto chiave fabbrica di scarpe abusiva. A lavoro cittadini cinesi clandestini

Sotto chiave fabbrica di scarpe abusiva. A lavoro cittadini cinesi clandestini

L’opificio era sprovvisto di autorizzazioni. Sottoposte a sequestro anche attrezzature e materiale di lavorazione VILLA LITERNO – I Carabinieri della stazione di Villa


L’opificio era sprovvisto di autorizzazioni. Sottoposte a sequestro anche attrezzature e materiale di lavorazione

VILLA LITERNO – I Carabinieri della stazione di Villa Literno (CE), nel corso di un servizio finalizzato all’individuazione degli opifici clandestini su quel territorio, hanno deferito, in stato di libertà, per “violazioni alla normativa in materia di lavoro, nonché igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro”, due cittadini cinesi domiciliati in Villa Literno.

Nella circostanza i militari dell’Arma hanno proceduto all’individuazione dell’opificio con 2 operaie di nazionalità cinese, sprovviste di regolare contratto di lavoro e impiegate dai denunciati nella produzione di scarpe. I luoghi di lavoro controllati sono carenti in materia di igiene e sicurezza.

Inoltre, il locale adibito ad opificio è risultato sprovvisto delle necessarie autorizzazioni e, pertanto, è stato sottoposto a sequestro penale, unitamente alle attrezzature istallate per la realizzazione di 4 postazioni di lavoro.