Giugliano, oggi al Parco Rea convegno su beni confiscati e nuovo codice antimafia

Giugliano, oggi al Parco Rea convegno su beni confiscati e nuovo codice antimafia

Verrà presentato il progetto ‘Hermon’. L’assessore Grauso: “Nella lotta alla criminalità è importante recuperare questi beni”  GIUGLIANO – Oggi alle ore 16:30,


Verrà presentato il progetto ‘Hermon’. L’assessore Grauso: “Nella lotta alla criminalità è importante recuperare questi beni”

 GIUGLIANO – Oggi alle ore 16:30, presso il complesso Rea, l’Agenzia Nazionale per i Beni Confiscati organizza un dibattito sulla riforma ed i nuovi strumenti della legge sulla confisca dei beni e sul nuovo codice antimafia, inoltre verrà presentato il progetto HERMON, che mette in confronto gli aspetti urbanistici e territoriali ove il bene è ubicato, rendendo agevole per la destinazione futura ed il recupero stesso del bene. 
La forte interconnessione tra un bene immobile ed il territorio che lo ospita rende, infatti, imprescindibile, in fase di determinazione della possibile destinazione e fruizione da parte del territorio, l’esatta conoscenza delle coordinate ambientali che lo caratterizzano, quali: – informazioni catastali; – informazioni colturali; – limiti amministrativi; – dati riferiti al contesto urbano; – aree e limiti di zone soggette a dissesto idrogeologico; – limiti ed aree alluvionali; – zone di rispetto di infrastrutture industriali e di trasporto; – zone soggette a vincoli ambientali o paesaggistici.
Tale progetto si svilupperà in via sperimentale attraverso un’apposita campagna di geo-rilevamento limitato ai comuni di Castel Volturno, Cancello ed Arnone, Mondragone, Villa Literno e Giugliano
Oltre i saluti del Sindaco Poziello interverranno i funzionari dell’Agenzia, Dott,sse Maria Tronfi e Loredana Nasta e vari gestori dei beni confiscati come il Presidente di Libera e l’Ente associativo locale il Centro Fiamma che tramite il presidente Arzillo Antonio presenterà la propria esperienza sul territorio.
Inoltre relazionerà anche l’assessore Grauso che a tal proposito dichiara “E’ fondamentale aggiornare la norma dell’antimafia, perchè l’esperienza ha dimostrato che la lotta alla criminalità ottiene grandi successi quando si recuperano i beni confiscati per un riutilizzo sociale” continua ancora il super poliziotto “la vera scommessa è quella di ridurre i tempi del riutilizzo, eliminando in questo modo anche lo scetticismo e la sfiducia della gente su questi temi”.
(comunicato stampa)