Giugliano, assolto e scarcerato Giuliano Ascione

Giugliano, assolto e scarcerato Giuliano Ascione

Il 61enne era accusato di aver riciclato il denaro del clan Mallardo nel basso Lazio. Oggi però cadono tutte le accuse GIUGLIANO


Il 61enne era accusato di aver riciclato il denaro del clan Mallardo nel basso Lazio. Oggi però cadono tutte le accuse

GIUGLIANO – Giuliano Ascione era ritornato in carcere il 12 novembre scorso per un provvedimento di ripristino della misura cautelare. Oggi, però, il Tribunale di Napoli ha deciso per lui l’assoluzione con formula piena ed il dissequestro dei beni. L’accusa per il 61enne era di concorso esterno in associazione mafiosa.

Secondo i magistrati, infatti, l’uomo avrebbe riciclato il denaro del clan Mallardo, gruppo egemone nell’area giuglianese, nel basso Lazio, in particolare attraverso il commercio di automobili ed il settore immobiliare. A Formia, in provincia di Latina, era appunto ubicato l’autosalone Ascione. L’inchiesta della DDA di Napoli, denominata “Tahiti”, è partita nel 2011.

I giudici però non hanno trovato riscontri, facendo così crollare il castello accusatorio dei magistrati che ora potranno ricorrere in Cassazione. Gli altri 11 coinvolti nell’operazione, tra cui i suoi fratelli Michele e Luigi, furono già tutti assolti.