Qualiano, “Isola della Legalità”: il Comune chiede di gestirla in proprio

Qualiano, “Isola della Legalità”: il Comune chiede di gestirla in proprio

Secondo l’accordo firmato con il Ministero dovrebbe essere una Onlus ad occuparsi della raccolta dei rifiuti ed incassare i proventi della RD.


reddito di cittadinanza qualiano

Secondo l’accordo firmato con il Ministero dovrebbe essere una Onlus ad occuparsi della raccolta dei rifiuti ed incassare i proventi della RD. Il Sindaco: “E’ stato commesso un grave errore”

QUALIANO – La Giunta comunale con la delibera 209 fornisce gli indirizzi per “L’Isola della Legalità – Centro per lo stoccaggio dei rifiuti e deposito mezzi sequestrati”, i cui lavori di realizzazione sono oramai completati e sono state acquistate anche le attrezzature necessarie per lo stoccaggio dei materiali oltre agli arredi ed attrezzature,  per gli uffici gestione dell’isola ecologica e della depositeria giudiziaria.

Il progetto, realizzato nell’ambito del PON Sicurezza per lo Sviluppo Ob. Convergenza 2007-2013 – Ob. Operativo 2.5, avviato durante il precedente mandato amministrativo esclude il Comune di Qualiano dalla gestione della struttura.

E’ stato commesso un grave errore da chi ha sottoscritto il progetto: il Comune di Qualiano ed i suoi cittadini sono stati tenuti volontariamente fuori dalla gestione della struttura. Si prevede, infatti, l’affidamento a cooperative sociali o onlus, che gestiranno la struttura in completa autonomia movimentando i rifiuti ed incassando anche i proventi del recupero dei materiali della Raccolta Differenziata.- commenta con amarezza il sindaco Ludovico De Luca– In questo modo non vi potrà essere mai un beneficio per i cittadini di Qualiano, che si impegnano nel fare la R.D. Per la cittadinanza, anzi, ci sarà un aggravio di costi visto che per 5 anni occorre garantire il pagamento delle utenze oltre alla manutenzione ordinaria e straordinaria. – e continua- Riteniamo che questo non sia giusto e che la cittadinanza che collabora deve essere premiata, per tale motivo chiederemo chiarimenti al Responsabile dell’Obiettivo Operativo 2.5 ritenendo che la gestione dei rifiuti debba essere effettuata solo dal ComuneLa struttura, inoltre, dovrà accogliere anche gli  automezzi della “Qualiano Multiservizi”, così  da risparmiare circa 60mila euro annuali che attualmente vengono pagati per il fitto con un altro risparmio per la collettività. – e conclude- Chi ha firmato il progetto non ha pensato a Qualiano”.

La questione è alquanto complessa ed in attesa che si faccia chiarezza sul quesito posto al Ministero, occorre mettere in sicurezza la struttura. “Ci devono dare risposte al più prestoIl nostro paese ha già pagato un grave scotto e molte strutture sono state vandalizzate appena completate.– ricorda l’assessore ai Lavori Pubblici, Davide Morgera–  Non vogliamo che accada lo stesso per questo servizio alla cittadinanza ”.

Occorre, quindi, attendere ancora un po’ per dare alla città l’attesa isola ecologica, per il conferimento dei materiali riciclabili, come vetro, carta, legno, ingombranti, prodotti elettrici ed elettronici.  Il Comune intende gestirla in autonomia con i propri dipendenti comunali in modo da effettuare i dovuti controlli e far confluire nelle casse dell’Ente i proventi della Raccolta Differenziata da riutilizzare a beneficio della collettività.