Caos al San Giuliano, Il sindacato degli infermieri chiede indagine amministrativa

Caos al San Giuliano, Il sindacato degli infermieri chiede indagine amministrativa

Il documento è stato protocollato anche al governatore De Luca e al commissario dell’Asl 2 Napoli Nord. Accuse al sindaco di Giugliano


Il documento è stato protocollato anche al governatore De Luca e al commissario dell’Asl 2 Napoli Nord. Accuse al sindaco di Giugliano per la sua “latitanza”

documento
Il documento del sindacato

GIUGLIANO – Il sindacato degli infermieri italiani, Nursing-Up, protocolla una richiesta di indagine amministrativa al Comune di Giugliano, alla Presidenza Regionale e al commissario straordinario dell’Asl 2 Napoli Nord. La denuncia del sindacato parte dalla chiusura temporanea del Pronto Soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore dovuta ad allagamenti da maltempo dello scorso ottobre. A seguito di quell’episodio, tantissimi pazienti sono stati dirottati al nosocomio giuglianese, già oggetto di disagi. Molti malati sono stati costretti ad attendere ore in barella, o ad arrangiarsi su sedie di fortuna nei corridoi. In alcuni casi la tensione ha rischiato di degenerare in rissa.

“Per il momento si va avanti grazie allo spirito di sacrificio del personale del San Giuliano”, chiosa il documento. Non prima però di puntare il dito contro i responsabili del San Giuliano e lo stesso sindaco di Giugliano, Antonio Poziello, considerato “latitante” al pari della dirigenza del nosocomio giuglianese. Per non gravare ulteriormente sul personale sanitario del San Giuliano, lo scorso 16 novembre il dirigente sanitario del San Giovanni di Dio, Concetta Sarnataro, ha diramato una direttiva in cui ha comunicato che non verranno impartiti “ulteriori ordini di servizio” presso il nosocomio giuglianese.